Lidia Borghi Body Wrapper

Tutta colpa del montaggio. Il Papa e le unioni civili.

Il 21 ottobre 2020 il documentario “Francesco” di Evgeny Afineevsky viene presentato alla “Festa del cinema di Roma”. Il film affronta i temi più importanti del nuovo secolo e lo fa attraverso la testimonianza che papa Francesco ha reso nel 2019 durante una lunga intervista, rilasciata alla giornalista messicana Valentina Alazraki, nella quale avrebbe dato il suo appoggio a una legge sulle unioni civili per le persone omosessuali.

La notizia fa il giro del mondo, scatena un putiferio mediatico, le prime pagine dei giornali aprono con le parole del Pontefice e gli articoli plaudono alla sua ennesima dichiarazione rivoluzionaria a favore del mondo LGBTI.

Solo che quelle parole Bergoglio non le ha pronunciate, almeno non in quella sequenza, che è stata costruita con un abile montaggio, così gli uffici stampa sono esplosi, ma nessuno si preso la briga di verificare la fonte, infatti l’intervista del Papa all’emittente messicana “Televisa” è reperibile in rete (https://www.youtube.com/watch?ab_channel=NoticierosTelevisa&v=VOcLWcW6Elw), quindi chiunque avrebbe potuto ascoltarla, riportare le risposte papali e fare uno scoop mondiale, cosa che non è accaduta.

Le parole oggetto della disputa sono le seguenti: “Le persone omosessuali hanno il diritto di essere in una famiglia. Sono figli di Dio e hanno diritto a una famiglia. Nessuno dovrebbe essere estromesso o reso infelice per questo. Ciò che dobbiamo creare è una legge sulle unioni civili. In questo modo sono coperti legalmente. Mi sono battuto per questo.

Come ho accennato, quelle frasi sono state pronunciate in fasi diverse del colloquio con Alazraki e in risposta a due domande, infatti i venti secondi del montaggio contengono cinque frammenti e quattro tagli. A cosa si riferisce, quindi, il Papa, quando parla di famiglia? A quella in cui vivono figli gay o figlie lesbiche, che i genitori dovrebbero accogliere con amore.

Che c’entra questo con le unioni civili? Nulla, siamo solo di fronte a un falso costruito ad arte a scopo pubblicitario che ha fatto un danno gravissimo a tutta la comunità cattolica, oltre che al Papa, il quale nella versione in spagnolo dice: “Lo que tenemos que hacer es una ley de convivencia civil, tienen derecho a estar cubiertos legalmente. Yo defendí eso. [Quel che dobbiamo fare è una legge di convivenza civile, hanno il diritto a una copertura legale. Ho difeso questo.]” la cui traduzione ha tirato in ballo una legge sulle unioni civili che ben poco ha a che fare con una generica “legge di convivenza civile”.

C’è un altro problema, però: questa frase è scomparsa dall’intervista a Televisa e allora come ha fatto il regista di “Francesco” ad avere la versione integrale? Soprattutto, una volta stabilito che quel sì non c’è stato e che l’intera faccenda è quantomeno confusa, come mai in pochi hanno pensato che tutto ciò potesse essere stato fatto di proposito? Una cosa è certa, il giornalismo mondiale ci ha fatto una figura meschina.

A fine ottobre c’è la smentita delle parole del Papa da parte della Segreteria di Stato vaticana attraverso una lettera indirizzata ai Nunzi vaticani: da un lato si conferma lo stravolgimento totale delle parole papali operato dal regista Afineevsky con il suo disinvolto montaggio dello spezzone incriminato, dall’altro viene confermato che “Papa Francesco ha risposto a due diverse domande in due momenti diversi [e le risposte] sono state montate e pubblicate come un’unica risposta senza la giusta contestualizzazione.” Ecco cosa ha generato la confusione.

Quanto riportato nella lettera, che tra l’altro non è stata redatta su carta intestata del Vaticano, dà il giusto credito alle poche testate che hanno ricostruito in modo veritiero la faccenda.

Ecco la conclusione della missiva: “Papa Francesco ha fatto riferimento ad alcune disposizioni statali, non certo alla dottrina della Chiesa, riaffermata più volte negli anni.

Nell’articolo che uscirà sul numero di febbraio mi soffermerò sulle reazioni che ci sono state oltreoceano.

Condividi su
Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti. Se continui la navigazione accetti l’utilizzo dei cookie. View more
Cookies settings
Accetta
Privacy & Cookie policy
Privacy & Cookies policy
Cookie nameActive
Chi siamo L\\\\\\\'indirizzo del nostro sito web è: https://lidiaborghi.it. Quali dati personali raccogliamo e perché li raccogliamo Commenti Quando i visitatori lasciano commenti sul sito, raccogliamo i dati mostrati nel modulo dei commenti oltre all\\\\\\\'indirizzo IP del visitatore e la stringa dello user agent del browser per facilitare il rilevamento dello spam. Una stringa anonimizzata creata a partire dal tuo indirizzo email (altrimenti detta hash) può essere fornita al servizio Gravatar per vedere se lo stai usando. La privacy policy del servizio Gravatar è disponibile qui: https://automattic.com/privacy/. Dopo l\\\\\\\'approvazione del tuo commento, la tua immagine del profilo è visibile al pubblico nel contesto del tuo commento. Media Se carichi immagini sul sito web, dovresti evitare di caricare immagini che includono i dati di posizione incorporati (EXIF GPS). I visitatori del sito web possono scaricare ed estrarre qualsiasi dato sulla posizione dalle immagini sul sito web. Modulo di contatto Cookie Se lasci un commento sul nostro sito, puoi scegliere di salvare il tuo nome, indirizzo email e sito web nei cookie. Sono usati per la tua comodità in modo che tu non debba inserire nuovamente i tuoi dati quando lasci un altro commento. Questi cookie dureranno per un anno. Se visiti la pagina di login, verrà impostato un cookie temporaneo per determinare se il tuo browser accetta i cookie. Questo cookie non contiene dati personali e viene eliminato quando chiudi il browser. Quando effettui l\\\\\\\'accesso, verranno impostati diversi cookie per salvare le tue informazioni di accesso e le tue opzioni di visualizzazione dello schermo. I cookie di accesso durano due giorni mentre i cookie per le opzioni dello schermo durano un anno. Se selezioni \\\\\\\"Ricordami\\\\\\\", il tuo accesso persisterà per due settimane. Se esci dal tuo account, i cookie di accesso verranno rimossi. Se modifichi o pubblichi un articolo, un cookie aggiuntivo verrà salvato nel tuo browser. Questo cookie non include dati personali, ma indica semplicemente l\\\\\\\'ID dell\\\\\\\'articolo appena modificato. Scade dopo 1 giorno. Contenuto incorporato da altri siti web Gli articoli su questo sito possono includere contenuti incorporati (ad esempio video, immagini, articoli, ecc.). I contenuti incorporati da altri siti web si comportano esattamente allo stesso modo come se il visitatore avesse visitato l\\\\\\\'altro sito web. Questi siti web possono raccogliere dati su di te, usare cookie, integrare ulteriori tracciamenti di terze parti e monitorare l\\\\\\\'interazione con essi, incluso il tracciamento della tua interazione con il contenuto incorporato se hai un account e sei connesso a quei siti web. Analytics Con chi condividiamo i tuoi dati Per quanto tempo conserviamo i tuoi dati Se lasci un commento, il commento e i relativi metadati vengono conservati a tempo indeterminato. È così che possiamo riconoscere e approvare automaticamente eventuali commenti successivi invece di tenerli in una coda di moderazione. Per gli utenti che si registrano sul nostro sito web (se presenti), memorizziamo anche le informazioni personali che forniscono nel loro profilo utente. Tutti gli utenti possono vedere, modificare o cancellare le loro informazioni personali in qualsiasi momento (eccetto il loro nome utente che non possono cambiare). Gli amministratori del sito web possono anche vedere e modificare queste informazioni. Quali diritti hai sui tuoi dati Se hai un account su questo sito, o hai lasciato commenti, puoi richiedere di ricevere un file esportato dal sito con i dati personali che abbiamo su di te, compresi i dati che ci hai fornito. Puoi anche richiedere che cancelliamo tutti i dati personali che ti riguardano. Questo non include i dati che siamo obbligati a conservare per scopi amministrativi, legali o di sicurezza. Dove spediamo i tuoi dati I commenti dei visitatori possono essere controllati attraverso un servizio di rilevamento automatico dello spam. Le tue informazioni di contatto Informazioni aggiuntive Come proteggiamo i tuoi dati Quali procedure abbiamo predisposto per prevenire la violazione dei dati Da quali terze parti riceviamo dati Quale processo decisionale automatizzato e/o profilazione facciamo con i dati dell\\\\\\\'utente Requisiti di informativa normativa del settore
Save settings
Cookies settings
Licenza Creative Commons
Creative Commons Attribuzione 4.0 Internazionale