Lidia Borghi Body Wrapper

Ohrwurm, quando il ritornello diventa ossessivo

Il termine tedesco “Ohrwurm” (letteralmente “tormentone”) è stato coniato per indicare un diffuso disturbo passeggero della mente umana che va sotto il nome di “tarlo dell’orecchio” (“earworm” è la traduzione inglese) e che lo psicologo cognitivo Daniel J. Levitin nel 2006 definì “stuck song syndrome” (il disturbo del suono inceppato) ovvero un motivetto musicale che ronza in modo compulsivo nella nostra mente e che risulta tanto difficile da scacciare che due studiosi britannici, Phil Beaman e Tim Williams, hanno pensato bene di dedicargli due interi studi pubblicati sul “British Journal of Psychology”.

Il pensiero ripetitivo è stato spesso oggetto di analisi da parte della scienza e persino un grande medico come Edward Bach era riuscito ad isolare l’anima buona del fiore “White Chestnut” (il castagno bianco o Aesculus Hippocastanum) per curare le riflessioni e persino le immagini che si presentano alla mente di continuo. Non a caso il medico gallese parlava di pensiero circolare o ossessivo (che ricorda il termine inglese “looping”, spesso usato anche in campo informatico).

Come ci si comporta di solito quando si è colpiti da tale malessere? Spesso si tenta di distrarsi, anche se i risultati sono quasi del tutto nulli. Anzi, il pensiero si rafforza, la mente si affatica e l’insonnia è spesso dietro l’angolo. Allora che fare? Beaman e Williams suggeriscono di abbandonarsi al fenomeno, che spesso passa da solo nel giro di pochi giorni o addirittura di poche ore. I due psicologi britannici hanno svolto la loro analisi avvalendosi dell’aiuto di diverse decine di persone intervistate nella stazione ferroviaria di Reading, nel Berkshire e nei giardini Forbury.

Ebbene, la percentuale di coloro che almeno una volta nella vita avevano avvertito la presenza di un tarlo dell’orecchio è stata del 98% circa. I soggetti ansiogeni sono quelli a più alto rischio di “earworm”, mentre fra i ritornelli più ossessivi compaiono quelli dei programmi televisivi più diffusi. La parte più divertente dei due studi ha riguardato le strategie messe in atto dagli intervistati per tentare di togliere il chiodo fisso dal cervello.

C’è per esempio chi ha sperimentato le tecniche di meditazione o chi ha provato ad ingerire bevande alcoliche. I due ricercatori del Regno Unito hanno sottolineato che non è tanto importante trovare un rimedio al fastidioso malessere, che di rado viene vissuto come un problema grave. Beaman e Williams hanno semmai scoperto che la zona del cervello interessata dal fenomeno, la corteccia uditiva, è in grado di riprodurre gli effetti del “tarlo dell’orecchio” tanto a lungo da superare di molto la capacità della memoria uditiva stessa, quella che fa sì che il suono venga ripetuto in modo consapevole nella nostra mente. Il resto lo fa la memoria a lungo termine, quella che viene attivata dal tarlo stesso.

Da qui la ricorrenza spesso ossessiva del motivo musicale ascoltato. Inoltre, più il brano è famoso, più risulta difficile toglierlo dalla mente. Ciò spiegherebbe, secondo gli psicologi britannici, perché molte fra le persone consultate abbiano citato canzoncine o tiritere ascoltate durante l’infanzia fra quelle che più spesso si trasformano in tarli. Insomma, a quanto pare non esistono rimedi per il fenomeno del suono inceppato e il fatto di conoscere l’origine di questo fastidio mentale non contribuirà certo a farci dormire sonni più tranquilli. Sfideremmo chiunque a tentare di prendere sonno con il valzer di Strauss che rimbalza di continuo fra i muri di gomma della nostra mente.

Condividi su
Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti. Se continui la navigazione accetti l’utilizzo dei cookie. View more
Cookies settings
Accetta
Privacy & Cookie policy
Privacy & Cookies policy
Cookie nameActive
Chi siamo L\\\\\\\'indirizzo del nostro sito web è: https://lidiaborghi.it. Quali dati personali raccogliamo e perché li raccogliamo Commenti Quando i visitatori lasciano commenti sul sito, raccogliamo i dati mostrati nel modulo dei commenti oltre all\\\\\\\'indirizzo IP del visitatore e la stringa dello user agent del browser per facilitare il rilevamento dello spam. Una stringa anonimizzata creata a partire dal tuo indirizzo email (altrimenti detta hash) può essere fornita al servizio Gravatar per vedere se lo stai usando. La privacy policy del servizio Gravatar è disponibile qui: https://automattic.com/privacy/. Dopo l\\\\\\\'approvazione del tuo commento, la tua immagine del profilo è visibile al pubblico nel contesto del tuo commento. Media Se carichi immagini sul sito web, dovresti evitare di caricare immagini che includono i dati di posizione incorporati (EXIF GPS). I visitatori del sito web possono scaricare ed estrarre qualsiasi dato sulla posizione dalle immagini sul sito web. Modulo di contatto Cookie Se lasci un commento sul nostro sito, puoi scegliere di salvare il tuo nome, indirizzo email e sito web nei cookie. Sono usati per la tua comodità in modo che tu non debba inserire nuovamente i tuoi dati quando lasci un altro commento. Questi cookie dureranno per un anno. Se visiti la pagina di login, verrà impostato un cookie temporaneo per determinare se il tuo browser accetta i cookie. Questo cookie non contiene dati personali e viene eliminato quando chiudi il browser. Quando effettui l\\\\\\\'accesso, verranno impostati diversi cookie per salvare le tue informazioni di accesso e le tue opzioni di visualizzazione dello schermo. I cookie di accesso durano due giorni mentre i cookie per le opzioni dello schermo durano un anno. Se selezioni \\\\\\\"Ricordami\\\\\\\", il tuo accesso persisterà per due settimane. Se esci dal tuo account, i cookie di accesso verranno rimossi. Se modifichi o pubblichi un articolo, un cookie aggiuntivo verrà salvato nel tuo browser. Questo cookie non include dati personali, ma indica semplicemente l\\\\\\\'ID dell\\\\\\\'articolo appena modificato. Scade dopo 1 giorno. Contenuto incorporato da altri siti web Gli articoli su questo sito possono includere contenuti incorporati (ad esempio video, immagini, articoli, ecc.). I contenuti incorporati da altri siti web si comportano esattamente allo stesso modo come se il visitatore avesse visitato l\\\\\\\'altro sito web. Questi siti web possono raccogliere dati su di te, usare cookie, integrare ulteriori tracciamenti di terze parti e monitorare l\\\\\\\'interazione con essi, incluso il tracciamento della tua interazione con il contenuto incorporato se hai un account e sei connesso a quei siti web. Analytics Con chi condividiamo i tuoi dati Per quanto tempo conserviamo i tuoi dati Se lasci un commento, il commento e i relativi metadati vengono conservati a tempo indeterminato. È così che possiamo riconoscere e approvare automaticamente eventuali commenti successivi invece di tenerli in una coda di moderazione. Per gli utenti che si registrano sul nostro sito web (se presenti), memorizziamo anche le informazioni personali che forniscono nel loro profilo utente. Tutti gli utenti possono vedere, modificare o cancellare le loro informazioni personali in qualsiasi momento (eccetto il loro nome utente che non possono cambiare). Gli amministratori del sito web possono anche vedere e modificare queste informazioni. Quali diritti hai sui tuoi dati Se hai un account su questo sito, o hai lasciato commenti, puoi richiedere di ricevere un file esportato dal sito con i dati personali che abbiamo su di te, compresi i dati che ci hai fornito. Puoi anche richiedere che cancelliamo tutti i dati personali che ti riguardano. Questo non include i dati che siamo obbligati a conservare per scopi amministrativi, legali o di sicurezza. Dove spediamo i tuoi dati I commenti dei visitatori possono essere controllati attraverso un servizio di rilevamento automatico dello spam. Le tue informazioni di contatto Informazioni aggiuntive Come proteggiamo i tuoi dati Quali procedure abbiamo predisposto per prevenire la violazione dei dati Da quali terze parti riceviamo dati Quale processo decisionale automatizzato e/o profilazione facciamo con i dati dell\\\\\\\'utente Requisiti di informativa normativa del settore
Save settings
Cookies settings
Licenza Creative Commons
Creative Commons Attribuzione 4.0 Internazionale