Lidia Borghi Body Wrapper

Libertà religiosa versus diritti umani, due esempi

Dicembre 2008: l’Unione Europea presenta un progetto per la depenalizzazione universale dell’omosessualità; tutti favorevoli tranne lo stato del Vaticano che, attraverso il suo portavoce, Federico Lombardi, spiega come, se la proposta venisse accettata, discriminerebbe gli stati che non riconoscono il matrimonio egualitario.


Marzo 2020: l’ONU pubblicail rapporto del Consiglio sui Diritti Umani sulla libertà di religione e di fede; dura la presa di posizione dello stato Pontificio, il cui delegato a Ginevra, l’arcivescovo Ivan Jurkovič,ha detto: []inaccettabili e offensive risultano le numerose raccomandazioni perché la libertà di religione e di fede, e l’obiezione di coscienza, siano lasciate da parte per promuovere gli altri cosiddetti ‘diritti umani’, che []costituiscono una sorta di ‘colonizzazione ideologica’ da parte di alcuni Stati e istituzioni internazionali.

Cosa c’è scritto di così tremendo per la Santa Sede in quel rapporto? Che in nome della libertà di culto i gruppi religiosi estremisti possono influenzare il potere legislativo dei loro paesi per riuscire a far emanare leggi che violano i diritti delle donne, delle bambine e delle persone LGBTI. Ecco un passaggio della relazione: “le varie religioni e fedi vengono sempre più usate per negare il diritto alla riproduzione consapevole e i diritti sessuali, per rendere illegali i patti tra i dipendenti miranti a proteggersi dai datori di lavoro, negare la pari dignità alle persone LGBT+, minare alla base il diritto alla libertà religiosa e di convinzione a donne, bambine e persone LGBT+.

Sembra che la Chiesa cattolica sia rimasta ferma a 2.500 anni fa quando, in nome della religione, commetteva i delitti più efferati, benché molte siano oggi le organizzazioni religiose che stanno provando a oscurarne la fama secolare, come quelle vicine all’amministrazione Trump, che consente ai vescovi statunitensi di usare la libertà di culto per negare alle donne e alle persone LGBTI il diritto basilare alla salute e alla difesa contro la violenza; inoltre ad aprile è nata l’alleanza “Catholics for Trump” a sostegno della campagna per la rielezione del presidente degli Stati Uniti, ai cui vertici ci sono esponenti delle posizioni più conservatrici contro l’aborto, il matrimonio egualitario e le persone transgender.

In un articolo sul periodico cattolico progressista “National Catholic Reporter” la giornalista Jamie Manson ha scritto: “Questo rapporto delle Nazioni Unite è il tentativo più coraggioso finora visto per provare alimitare l’eccessiva influenza dei gruppi religiosi sulle leggi civili.” mentre Francis DeBernardo, direttore esecutivo di “New Ways Ministry”, ha detto: “fino a che la Chiesa non smetterà di abusare della libertà religiosa per giustificare la discriminazione, la sua testimonianza di custodedei diritti umani sarà sempre compromessa.

Altra questione: il prossimo sinodo dei vescovi si terrà nel 2022 e avrà come tema la sinodalità, ovveroil camminare insieme e ci si chiede se la partecipazione alla vita della Chiesa secondo la vocazione di ciascuno, per servire il prossimo attraverso i doni ricevuti dallo Spirito Santo, riguarderà anche le persone LGBTI cattoliche. Il sinodo del 2015 aveva confermato le normedel Magistero sulle questioni LGBTI e aveva provato che la Chiesa è restia adaffrontare il tema dell’identità di genere,delle persone LGBTI e delle loro famiglie, quindi si trovadi fronte all’ennesima sfida: dedicarsi in modo serio ai temi civili cruciali che fino a ora ha trattatoin modo superficiale. Il prossimo sinodo rappresenterà quindiuna verifica per capire a che punto sia la Chiesa in merito alla partecipazione di tutt* i/le fedeli alla sua vita.

Per Robert Shine, direttore associato di “New Ways Ministry”, “se vedremo discussioni sincere sul genere e la sessualità e un profondo ascolto, da parte dell’istituzione, delle persone LGBTQ cattoliche, sarà un grande passo avanti verso l’obiettivo di essere una Chiesa ‘casa per tutti’.

Condividi su
Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti. Se continui la navigazione accetti l’utilizzo dei cookie. View more
Cookies settings
Accetta
Privacy & Cookie policy
Privacy & Cookies policy
Cookie nameActive
Chi siamo L\\\\\\\'indirizzo del nostro sito web è: https://lidiaborghi.it. Quali dati personali raccogliamo e perché li raccogliamo Commenti Quando i visitatori lasciano commenti sul sito, raccogliamo i dati mostrati nel modulo dei commenti oltre all\\\\\\\'indirizzo IP del visitatore e la stringa dello user agent del browser per facilitare il rilevamento dello spam. Una stringa anonimizzata creata a partire dal tuo indirizzo email (altrimenti detta hash) può essere fornita al servizio Gravatar per vedere se lo stai usando. La privacy policy del servizio Gravatar è disponibile qui: https://automattic.com/privacy/. Dopo l\\\\\\\'approvazione del tuo commento, la tua immagine del profilo è visibile al pubblico nel contesto del tuo commento. Media Se carichi immagini sul sito web, dovresti evitare di caricare immagini che includono i dati di posizione incorporati (EXIF GPS). I visitatori del sito web possono scaricare ed estrarre qualsiasi dato sulla posizione dalle immagini sul sito web. Modulo di contatto Cookie Se lasci un commento sul nostro sito, puoi scegliere di salvare il tuo nome, indirizzo email e sito web nei cookie. Sono usati per la tua comodità in modo che tu non debba inserire nuovamente i tuoi dati quando lasci un altro commento. Questi cookie dureranno per un anno. Se visiti la pagina di login, verrà impostato un cookie temporaneo per determinare se il tuo browser accetta i cookie. Questo cookie non contiene dati personali e viene eliminato quando chiudi il browser. Quando effettui l\\\\\\\'accesso, verranno impostati diversi cookie per salvare le tue informazioni di accesso e le tue opzioni di visualizzazione dello schermo. I cookie di accesso durano due giorni mentre i cookie per le opzioni dello schermo durano un anno. Se selezioni \\\\\\\"Ricordami\\\\\\\", il tuo accesso persisterà per due settimane. Se esci dal tuo account, i cookie di accesso verranno rimossi. Se modifichi o pubblichi un articolo, un cookie aggiuntivo verrà salvato nel tuo browser. Questo cookie non include dati personali, ma indica semplicemente l\\\\\\\'ID dell\\\\\\\'articolo appena modificato. Scade dopo 1 giorno. Contenuto incorporato da altri siti web Gli articoli su questo sito possono includere contenuti incorporati (ad esempio video, immagini, articoli, ecc.). I contenuti incorporati da altri siti web si comportano esattamente allo stesso modo come se il visitatore avesse visitato l\\\\\\\'altro sito web. Questi siti web possono raccogliere dati su di te, usare cookie, integrare ulteriori tracciamenti di terze parti e monitorare l\\\\\\\'interazione con essi, incluso il tracciamento della tua interazione con il contenuto incorporato se hai un account e sei connesso a quei siti web. Analytics Con chi condividiamo i tuoi dati Per quanto tempo conserviamo i tuoi dati Se lasci un commento, il commento e i relativi metadati vengono conservati a tempo indeterminato. È così che possiamo riconoscere e approvare automaticamente eventuali commenti successivi invece di tenerli in una coda di moderazione. Per gli utenti che si registrano sul nostro sito web (se presenti), memorizziamo anche le informazioni personali che forniscono nel loro profilo utente. Tutti gli utenti possono vedere, modificare o cancellare le loro informazioni personali in qualsiasi momento (eccetto il loro nome utente che non possono cambiare). Gli amministratori del sito web possono anche vedere e modificare queste informazioni. Quali diritti hai sui tuoi dati Se hai un account su questo sito, o hai lasciato commenti, puoi richiedere di ricevere un file esportato dal sito con i dati personali che abbiamo su di te, compresi i dati che ci hai fornito. Puoi anche richiedere che cancelliamo tutti i dati personali che ti riguardano. Questo non include i dati che siamo obbligati a conservare per scopi amministrativi, legali o di sicurezza. Dove spediamo i tuoi dati I commenti dei visitatori possono essere controllati attraverso un servizio di rilevamento automatico dello spam. Le tue informazioni di contatto Informazioni aggiuntive Come proteggiamo i tuoi dati Quali procedure abbiamo predisposto per prevenire la violazione dei dati Da quali terze parti riceviamo dati Quale processo decisionale automatizzato e/o profilazione facciamo con i dati dell\\\\\\\'utente Requisiti di informativa normativa del settore
Save settings
Cookies settings
Licenza Creative Commons
Creative Commons Attribuzione 4.0 Internazionale