Lidia Borghi Body Wrapper

Le unioni civili un anno dopo l’approvazione della legge Cirinnà. Perché non sono un fallimento

di Lidia Borghi


L’undici maggio 2016 veniva approvata la legge Cirinnà sulle unioni civili e, a un anno da quell’evento, diversi sono stati i bilanci proposti dal giornalismo italiano di tendenza, primo fra tutti quello a firma Liana Milella dalle pagine de La Repubblica il cui articolo, uscito in versione cartacea il 7 maggio scorso, era intitolato “Solo 2.800 sì a un anno dalla legge. Niente corsa alle nozze gay, flop al Sud”, poi modificato on line in “Unioni civili: finora 2.800 sì”;

dopo le proteste delle associazioni LGBTQI e non solo attraverso i social network, Maria Novella De Luca ha scritto un pezzo che avrebbe dovuto calmare gli animi e che contiene, nel titolo, un’avversativa pesante: “Unioni civili, perché è una conquista straordinariaal di là dei dati”; a fare eco al quotidiano di via Cristoforo Colombo è stato, il 12 maggio l’Avvenire che, attraverso Antonella Mariani, ha rincarato la dose parlando di “sboom”, il che ha sollevato da più parti prese di posizione e scritti di tenore opposto; a essersi espresso in tal senso è stato addirittura, come vedremo, il quotidiano delle chiese evangeliche battiste, metodiste e valdesi in Italia, Riforma.

Milella ha snocciolato un po’ di numeri: nei primi tre mesi del 2017 si sono svolte 369 cerimonie, per la gran parte a Roma e Torino, anche se il dato totale è di 2.802 unioni in tutta Italia, mentre quello del 2016 ammontava a 2.433. “Non c’è che dire – ha aggiunto Milella – decisamente un flop. Che non può non sorprendere, vista la battaglia durissima e lo scontro politico per arrivare alla legge.” Veniamo quindi allo “sboom” di Avvenire: la collega Mariani, mostrando di aver copiato a man salva il teminoscolastico di Milella, ha citato “i reali bisogni delle famiglie”, come se quelle formate da persone dello stesso sesso, con o senza prole, non fossero tali, quindi ha parlato di risultati non certo clamorosi, come attesterebbe la mancanza di code agli uffici comunali. Perciò, dopo aver prodotto un bel po’ di cifre, la giornalista ha citato il pensiero contrario alla linea del quotidiano della Cei di alcuni esponenti del Partito Democratico, non ultimo il Ministro della Giustizia Andrea Orlando in merito allo stralcio della stepchild adoption, che la giornalista ha equiparato alla pratica della maternità surrogata, facendo un paracarro più che un paragone e rispolverando una polemica, sterile quanto pretestuosa, scatenata qualche mese fa da un gruppo di donne appartenenti al femminismo clericale che cavalcano l’inesistente lobby gay e la teoria gender, dimostrando oltretutto di ignorare decenni di studi di genere. Tra l’incursione de La Repubblica e quella di Avvenire sulla questione è intervenuto Marco Magnano, redattore di Radio Beckwith Evangelica, con una serie di considerazioni che possono essere riassunte nel sottotitolo del suo articolo on line: “Chi parla di ‘frenata’ nelle unioni civili sbaglia non solo nel metodo ma anche in termini di senso, perché le leggi che garantiscono diritti civili affermano prima di tutto un principio”. Sarebbero sufficienti solo queste parole per archiviare una questione che ci pone di fronte a un quesito: davvero quelle letture di segno opposto rispetto all’efficacia della legge Cirinnà hanno divulgato la verità dei fatti oppure quelle giornaliste hanno fatto sfoggio, per l’ennesima volta, della loro disonestà intellettuale pur di dare un’immagine distorta della realtà dei diritti civili per le persone LGBTQI? A proposito dei numeri snocciolati dalle due colleghe, a intervenire è stato Fabio Perroni, membro di REFO (Rete Evangelica Fede e Omosessualità) il quale, intervistato da Magnano, ha detto che “c’è un errore anche dal punto di vista numerico, prima di tutto perché i dati delle unioni civili non sono ancora pubblici, visto che l’Istat li sta ancora elaborando. Inoltre una frenata può esistere solo se c’è il termine di paragone con l’anno precedente.” I quotidiani in questione hanno quindi paragonato i numeri ai diritti umani, dimostrando per l’ennesima volta che per le giornaliste e i giornalisti che vi lavorano le persone sono opinioni e non individui cui vanno gli stessi diritti del resto della gente.

Condividi su
Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti. Se continui la navigazione accetti l’utilizzo dei cookie. View more
Cookies settings
Accetta
Privacy & Cookie policy
Privacy & Cookies policy
Cookie nameActive
Chi siamo L\\\\\\\'indirizzo del nostro sito web è: https://lidiaborghi.it. Quali dati personali raccogliamo e perché li raccogliamo Commenti Quando i visitatori lasciano commenti sul sito, raccogliamo i dati mostrati nel modulo dei commenti oltre all\\\\\\\'indirizzo IP del visitatore e la stringa dello user agent del browser per facilitare il rilevamento dello spam. Una stringa anonimizzata creata a partire dal tuo indirizzo email (altrimenti detta hash) può essere fornita al servizio Gravatar per vedere se lo stai usando. La privacy policy del servizio Gravatar è disponibile qui: https://automattic.com/privacy/. Dopo l\\\\\\\'approvazione del tuo commento, la tua immagine del profilo è visibile al pubblico nel contesto del tuo commento. Media Se carichi immagini sul sito web, dovresti evitare di caricare immagini che includono i dati di posizione incorporati (EXIF GPS). I visitatori del sito web possono scaricare ed estrarre qualsiasi dato sulla posizione dalle immagini sul sito web. Modulo di contatto Cookie Se lasci un commento sul nostro sito, puoi scegliere di salvare il tuo nome, indirizzo email e sito web nei cookie. Sono usati per la tua comodità in modo che tu non debba inserire nuovamente i tuoi dati quando lasci un altro commento. Questi cookie dureranno per un anno. Se visiti la pagina di login, verrà impostato un cookie temporaneo per determinare se il tuo browser accetta i cookie. Questo cookie non contiene dati personali e viene eliminato quando chiudi il browser. Quando effettui l\\\\\\\'accesso, verranno impostati diversi cookie per salvare le tue informazioni di accesso e le tue opzioni di visualizzazione dello schermo. I cookie di accesso durano due giorni mentre i cookie per le opzioni dello schermo durano un anno. Se selezioni \\\\\\\"Ricordami\\\\\\\", il tuo accesso persisterà per due settimane. Se esci dal tuo account, i cookie di accesso verranno rimossi. Se modifichi o pubblichi un articolo, un cookie aggiuntivo verrà salvato nel tuo browser. Questo cookie non include dati personali, ma indica semplicemente l\\\\\\\'ID dell\\\\\\\'articolo appena modificato. Scade dopo 1 giorno. Contenuto incorporato da altri siti web Gli articoli su questo sito possono includere contenuti incorporati (ad esempio video, immagini, articoli, ecc.). I contenuti incorporati da altri siti web si comportano esattamente allo stesso modo come se il visitatore avesse visitato l\\\\\\\'altro sito web. Questi siti web possono raccogliere dati su di te, usare cookie, integrare ulteriori tracciamenti di terze parti e monitorare l\\\\\\\'interazione con essi, incluso il tracciamento della tua interazione con il contenuto incorporato se hai un account e sei connesso a quei siti web. Analytics Con chi condividiamo i tuoi dati Per quanto tempo conserviamo i tuoi dati Se lasci un commento, il commento e i relativi metadati vengono conservati a tempo indeterminato. È così che possiamo riconoscere e approvare automaticamente eventuali commenti successivi invece di tenerli in una coda di moderazione. Per gli utenti che si registrano sul nostro sito web (se presenti), memorizziamo anche le informazioni personali che forniscono nel loro profilo utente. Tutti gli utenti possono vedere, modificare o cancellare le loro informazioni personali in qualsiasi momento (eccetto il loro nome utente che non possono cambiare). Gli amministratori del sito web possono anche vedere e modificare queste informazioni. Quali diritti hai sui tuoi dati Se hai un account su questo sito, o hai lasciato commenti, puoi richiedere di ricevere un file esportato dal sito con i dati personali che abbiamo su di te, compresi i dati che ci hai fornito. Puoi anche richiedere che cancelliamo tutti i dati personali che ti riguardano. Questo non include i dati che siamo obbligati a conservare per scopi amministrativi, legali o di sicurezza. Dove spediamo i tuoi dati I commenti dei visitatori possono essere controllati attraverso un servizio di rilevamento automatico dello spam. Le tue informazioni di contatto Informazioni aggiuntive Come proteggiamo i tuoi dati Quali procedure abbiamo predisposto per prevenire la violazione dei dati Da quali terze parti riceviamo dati Quale processo decisionale automatizzato e/o profilazione facciamo con i dati dell\\\\\\\'utente Requisiti di informativa normativa del settore
Save settings
Cookies settings
Licenza Creative Commons
Creative Commons Attribuzione 4.0 Internazionale