Lidia Borghi Body Wrapper

La tragedia del ponte Morandi sfruttata da un prete del milanese

di Lidia Borghi

Ha trasformato il giornalino parrocchiale in un mezzo per lanciare invettive al veleno contro migranti, omosessualità e omofobia e contrastare la “decadenza civile e morale che attraversa la nostra società.” È don Armando Bosani, parroco di Vanzaghello. Il suo bollettino mensile, Il mantice, invece di informare le parrocchiane e i parrocchiani sugli eventi della chiesa, vuole ostacolare l’involuzione umana, portata avanti da secoli e spacciata per una nuova era che sarebbe mossa da principi contrari a quelli voluti da Dio.


Il quattordici agosto il ponte Morandi crolla portando giù con sé quarantatré persone e tre giorni dopo Marcello Veneziani, dalle pagine de Il Tempo, dedica un lungo articolo alle furberie della famiglia Benetton, a cui attribuisce la piena responsabilità del crollo del cavalcavia sul Polcevera. Fin qui nulla da dire, ha espresso opinioni personali e se ne assume la responsabilità, solo che all’inizio del pezzo il giornalista fa riferimento ai contraddittori messaggi pubblicitari lanciati dai Benetton contro le piaghe sociali del nostro tempo, razzismo e sessismo e “a favore della società senza frontiere, lgbt, trasgressiva e progressista.

Non passa molto tempo che il nuovo numero del giornalino di don Bosani arriva in tutte le case del comune milanese con un’affermazione sconvolgente: “Il crollo del ponte Morandi è colpa dei progressisti e dei gay.” e, per sfruttare la tragedia di Genova ad usum delphini, pubblica l’articolo di Veneziani e ne riprende la parte relativa alle persone lesbiche, gay, bisessuali e transessuali per continuare a seminare odio omotransfobico.

In tutto questo cittadine e cittadini che fanno? Si dividono fra coloro che seguirebbero Bosani fino in capo al mondo e quelle/i che ignorano il foglio e lo gettano nel bidone della carta.

Altre chicche: che cos’è l’omofobia secondo il parroco? Una cosa che non esiste, “un neologismo inventato dai media allo scopo di manovrare la psiche dei più deboli intellettivamente per far loro accettare la sostituzione etnica.” e la xenofobia? Rappresenta la paura dello straniero, che “è sempre esistita in tutti i tempi e in tutti i luoghi, (…)in tutti i popoli, in tutte le legislazioni e in tutte le famiglie, ma non si chiama xenofobia, si chiama… prudenza. Rientra nel principio della legittima difesa.

Il mondo ecclesiastico è pieno di preti che fanno o hanno fatto affermazioni del genere; chi non ricorda don Silvio Foddis? Nel 2015 ebbe a dire che con i gay bisognerebbe usare il lanciafiamme. Un’affermazione gravissima proprio perché proviene da un uomo di culto della Chiesa Cattolica, un uomo che dovrebbe avere ben presente il messaggio evangelico d’amore per il prossimo. Un altro esempio: sempre nel 2015 il vescovo cattolico ugandese Charles Wamika ha detto che le persone omosessuali meritano la morte, inoltre ha consigliato ai genitori con figli gay di denunciarli. Per non parlare di David Kato Kisule, attivista LGBT, che viene ammazzato perché gay; al suo funerale il prete officiante si lascia andare a una filippica omofobica, con il corpo di David ancora caldo. Concludo con Celestino Migliore, osservatore permanente della Santa Sede all’Onu: nel 2008 la Francia presentò la richiesta della depenalizzazione dell’omosessualità nel mondo, ma lui oppose un netto rifiuto, perché un’eventuale approvazione avrebbe esposto al disprezzo i paesi che non riconoscono le unioni fra persone dello stesso sesso, il che avrebbe rappresentato “una chiara violazione dei diritti umani fondamentali.

Che certi presuli della Chiesa cattolica ogni tanto se ne escano con assurdità del genere è noto, Bosani non è certo il primo né sarà l’ultimo a sputare sentenze discriminanti, manipolando il messaggio dei Vangeli pur di renderle credibili; certo, è anche vero che molti sacerdoti tacciono, vuoi per convenienza vuoi per distaccarsi da certi pensieri, ma chi tace è comunque colpevole.


Condividi su
Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti. Se continui la navigazione accetti l’utilizzo dei cookie. View more
Cookies settings
Accetta
Privacy & Cookie policy
Privacy & Cookies policy
Cookie nameActive
Chi siamo L\\\\\\\'indirizzo del nostro sito web è: https://lidiaborghi.it. Quali dati personali raccogliamo e perché li raccogliamo Commenti Quando i visitatori lasciano commenti sul sito, raccogliamo i dati mostrati nel modulo dei commenti oltre all\\\\\\\'indirizzo IP del visitatore e la stringa dello user agent del browser per facilitare il rilevamento dello spam. Una stringa anonimizzata creata a partire dal tuo indirizzo email (altrimenti detta hash) può essere fornita al servizio Gravatar per vedere se lo stai usando. La privacy policy del servizio Gravatar è disponibile qui: https://automattic.com/privacy/. Dopo l\\\\\\\'approvazione del tuo commento, la tua immagine del profilo è visibile al pubblico nel contesto del tuo commento. Media Se carichi immagini sul sito web, dovresti evitare di caricare immagini che includono i dati di posizione incorporati (EXIF GPS). I visitatori del sito web possono scaricare ed estrarre qualsiasi dato sulla posizione dalle immagini sul sito web. Modulo di contatto Cookie Se lasci un commento sul nostro sito, puoi scegliere di salvare il tuo nome, indirizzo email e sito web nei cookie. Sono usati per la tua comodità in modo che tu non debba inserire nuovamente i tuoi dati quando lasci un altro commento. Questi cookie dureranno per un anno. Se visiti la pagina di login, verrà impostato un cookie temporaneo per determinare se il tuo browser accetta i cookie. Questo cookie non contiene dati personali e viene eliminato quando chiudi il browser. Quando effettui l\\\\\\\'accesso, verranno impostati diversi cookie per salvare le tue informazioni di accesso e le tue opzioni di visualizzazione dello schermo. I cookie di accesso durano due giorni mentre i cookie per le opzioni dello schermo durano un anno. Se selezioni \\\\\\\"Ricordami\\\\\\\", il tuo accesso persisterà per due settimane. Se esci dal tuo account, i cookie di accesso verranno rimossi. Se modifichi o pubblichi un articolo, un cookie aggiuntivo verrà salvato nel tuo browser. Questo cookie non include dati personali, ma indica semplicemente l\\\\\\\'ID dell\\\\\\\'articolo appena modificato. Scade dopo 1 giorno. Contenuto incorporato da altri siti web Gli articoli su questo sito possono includere contenuti incorporati (ad esempio video, immagini, articoli, ecc.). I contenuti incorporati da altri siti web si comportano esattamente allo stesso modo come se il visitatore avesse visitato l\\\\\\\'altro sito web. Questi siti web possono raccogliere dati su di te, usare cookie, integrare ulteriori tracciamenti di terze parti e monitorare l\\\\\\\'interazione con essi, incluso il tracciamento della tua interazione con il contenuto incorporato se hai un account e sei connesso a quei siti web. Analytics Con chi condividiamo i tuoi dati Per quanto tempo conserviamo i tuoi dati Se lasci un commento, il commento e i relativi metadati vengono conservati a tempo indeterminato. È così che possiamo riconoscere e approvare automaticamente eventuali commenti successivi invece di tenerli in una coda di moderazione. Per gli utenti che si registrano sul nostro sito web (se presenti), memorizziamo anche le informazioni personali che forniscono nel loro profilo utente. Tutti gli utenti possono vedere, modificare o cancellare le loro informazioni personali in qualsiasi momento (eccetto il loro nome utente che non possono cambiare). Gli amministratori del sito web possono anche vedere e modificare queste informazioni. Quali diritti hai sui tuoi dati Se hai un account su questo sito, o hai lasciato commenti, puoi richiedere di ricevere un file esportato dal sito con i dati personali che abbiamo su di te, compresi i dati che ci hai fornito. Puoi anche richiedere che cancelliamo tutti i dati personali che ti riguardano. Questo non include i dati che siamo obbligati a conservare per scopi amministrativi, legali o di sicurezza. Dove spediamo i tuoi dati I commenti dei visitatori possono essere controllati attraverso un servizio di rilevamento automatico dello spam. Le tue informazioni di contatto Informazioni aggiuntive Come proteggiamo i tuoi dati Quali procedure abbiamo predisposto per prevenire la violazione dei dati Da quali terze parti riceviamo dati Quale processo decisionale automatizzato e/o profilazione facciamo con i dati dell\\\\\\\'utente Requisiti di informativa normativa del settore
Save settings
Cookies settings
Licenza Creative Commons
Creative Commons Attribuzione 4.0 Internazionale