Lidia Borghi Body Wrapper

Il dialogo interiore aumenta la nostra capacità decisionale. Altro che pazzia

Il numero in uscita in questi giorni della rivista on – line Acta Psychologica contiene un interessante articolo che tratta dell’abitudine che molte persone hanno di parlare da sole (The voice of self-control: Blocking the inner voice increases impulsive responding, Acta Psychologica, Volume 135, Issue 2, October 2010, Pages 252 – 256, Alexa M. Tullett, Michael Inzlicht.

Stando agli esiti di uno studio portato a termine da un gruppo di psicologi e di psicologhe dell’università canadese di Toronto, infatti, l’atto del parlare da soli, magari a voce alta, non è indice di pazzia ma, al contrario, rappresenta un enorme aiuto ogni volta che ci accingiamo a mettere in atto un processo decisionale ovvero quella serie di meccanismi mentali che spinge gli esseri pensanti a scegliere e mettere in atto la strategia più adatta a raggiungere uno scopo ben preciso.

A tal proposito, è il caso di ricordare che all’interno del cervello viene elaborata una serie di pensieri che hanno a che fare con la scelta di alcune alternative possibili al raggiungimento di un determinato scopo, una comparazione di esse e, da ultimo, la scelta della soluzione che si ritiene più valida per risolvere una questione. Questo è quanto accade, per esempio, quando una persona si accinge a passare da una parte all’altra di una strada trafficata, a doppio senso di circolazione, su un attraversamento non regolato da semaforo. Gli esempi non finiscono qui ed abbracciano ogni azione volta al raggiungimento di un fine, sia esso materiale o meno.

Per giungere ad un risultato così confortante, i dottori Alexa M. Tullett e Michael Inzlicht hanno sottoposto ad una serie di esercizi un gruppo di volontarie e di volontari. Una parte di questi test prevedeva per loro la possibilità di parlare, mentre nell’altra veniva impedito loro qualunque tipo di dialogo fra sé e sé e, anzi, alle persone che hanno partecipato al test è stato chiesto di ripetere sempre la stessa parola a voce alta. Lo svolgimento degli esercizi non ha lasciato spazio a dubbi, in quanto i risultati migliori si sono avuti solo quando era stato consentito di verbalizzare i propri dialoghi interiori a chi si era sottoposto alle prove.

«In questo studio abbiamo esplorato il legame tra risorse verbali ed auto – controllo, prendendo in considerazione la voce interiore e successivamente valutando gli indici comportamentali dell’auto controllo – hanno affermato Tullett e Inzlicht –. (…) I nostri risultati suggeriscono che la voce interiore ci aiuta ad esercitare il controllo di sé, migliorando la nostra capacità di trattenere i nostri impulsi».

L’importanza dei risultati di questa ricerca sta nel fatto che, quando non ci è data la possibilità di parlare con noi stessi mentre svolgiamo le azioni più comuni, esse sono più spesso mosse dall’impulsività mentre, quando riusciamo a dare libero sfogo ai nostri pensieri attraverso il parlare a voce alta, riusciamo ad esercitare un maggiore auto controllo, garantendo un esito positivo a gesti che consideriamo complicati o delicati.

Che le persone indulgano spesso al dialogo interiore è cosa nota anche se, almeno fino all’esito della ricerca canadese, gli scienziati ancora non avevano preso coscienza di quanto importante esso sia, come ha affermato la dottoressa Tullett, la quale ha aggiunto che «mandiamo continuamente dei messaggi a noi stessi con l’intento di autoesaminarci, fare il punto su ciò che facciamo, ragionarci sopra. (…) Talvolta questi messaggi (…) vengono esplicitati in una sorta di conversazione ad alta voce».

La ricerca canadese rappresenta un grande passo in avanti in un ambito delicatissimo come quello del trattamento psicologico delle persone con problemi mentali, i cui comportamenti vengono spesso considerati a – sociali e permette, altresì, di sfatare il mito che associa il parlare a voce alta, senza interlocutore alcuno, a scarsa o nulla sanità mentale. Ben venga, quindi, il dialogo interiore verbalizzato, che infonde sicurezza e prepara al successo nella vita quotidiana.

Condividi su
Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti. Se continui la navigazione accetti l’utilizzo dei cookie. View more
Cookies settings
Accetta
Privacy & Cookie policy
Privacy & Cookies policy
Cookie nameActive
Chi siamo L\\\\\\\'indirizzo del nostro sito web è: https://lidiaborghi.it. Quali dati personali raccogliamo e perché li raccogliamo Commenti Quando i visitatori lasciano commenti sul sito, raccogliamo i dati mostrati nel modulo dei commenti oltre all\\\\\\\'indirizzo IP del visitatore e la stringa dello user agent del browser per facilitare il rilevamento dello spam. Una stringa anonimizzata creata a partire dal tuo indirizzo email (altrimenti detta hash) può essere fornita al servizio Gravatar per vedere se lo stai usando. La privacy policy del servizio Gravatar è disponibile qui: https://automattic.com/privacy/. Dopo l\\\\\\\'approvazione del tuo commento, la tua immagine del profilo è visibile al pubblico nel contesto del tuo commento. Media Se carichi immagini sul sito web, dovresti evitare di caricare immagini che includono i dati di posizione incorporati (EXIF GPS). I visitatori del sito web possono scaricare ed estrarre qualsiasi dato sulla posizione dalle immagini sul sito web. Modulo di contatto Cookie Se lasci un commento sul nostro sito, puoi scegliere di salvare il tuo nome, indirizzo email e sito web nei cookie. Sono usati per la tua comodità in modo che tu non debba inserire nuovamente i tuoi dati quando lasci un altro commento. Questi cookie dureranno per un anno. Se visiti la pagina di login, verrà impostato un cookie temporaneo per determinare se il tuo browser accetta i cookie. Questo cookie non contiene dati personali e viene eliminato quando chiudi il browser. Quando effettui l\\\\\\\'accesso, verranno impostati diversi cookie per salvare le tue informazioni di accesso e le tue opzioni di visualizzazione dello schermo. I cookie di accesso durano due giorni mentre i cookie per le opzioni dello schermo durano un anno. Se selezioni \\\\\\\"Ricordami\\\\\\\", il tuo accesso persisterà per due settimane. Se esci dal tuo account, i cookie di accesso verranno rimossi. Se modifichi o pubblichi un articolo, un cookie aggiuntivo verrà salvato nel tuo browser. Questo cookie non include dati personali, ma indica semplicemente l\\\\\\\'ID dell\\\\\\\'articolo appena modificato. Scade dopo 1 giorno. Contenuto incorporato da altri siti web Gli articoli su questo sito possono includere contenuti incorporati (ad esempio video, immagini, articoli, ecc.). I contenuti incorporati da altri siti web si comportano esattamente allo stesso modo come se il visitatore avesse visitato l\\\\\\\'altro sito web. Questi siti web possono raccogliere dati su di te, usare cookie, integrare ulteriori tracciamenti di terze parti e monitorare l\\\\\\\'interazione con essi, incluso il tracciamento della tua interazione con il contenuto incorporato se hai un account e sei connesso a quei siti web. Analytics Con chi condividiamo i tuoi dati Per quanto tempo conserviamo i tuoi dati Se lasci un commento, il commento e i relativi metadati vengono conservati a tempo indeterminato. È così che possiamo riconoscere e approvare automaticamente eventuali commenti successivi invece di tenerli in una coda di moderazione. Per gli utenti che si registrano sul nostro sito web (se presenti), memorizziamo anche le informazioni personali che forniscono nel loro profilo utente. Tutti gli utenti possono vedere, modificare o cancellare le loro informazioni personali in qualsiasi momento (eccetto il loro nome utente che non possono cambiare). Gli amministratori del sito web possono anche vedere e modificare queste informazioni. Quali diritti hai sui tuoi dati Se hai un account su questo sito, o hai lasciato commenti, puoi richiedere di ricevere un file esportato dal sito con i dati personali che abbiamo su di te, compresi i dati che ci hai fornito. Puoi anche richiedere che cancelliamo tutti i dati personali che ti riguardano. Questo non include i dati che siamo obbligati a conservare per scopi amministrativi, legali o di sicurezza. Dove spediamo i tuoi dati I commenti dei visitatori possono essere controllati attraverso un servizio di rilevamento automatico dello spam. Le tue informazioni di contatto Informazioni aggiuntive Come proteggiamo i tuoi dati Quali procedure abbiamo predisposto per prevenire la violazione dei dati Da quali terze parti riceviamo dati Quale processo decisionale automatizzato e/o profilazione facciamo con i dati dell\\\\\\\'utente Requisiti di informativa normativa del settore
Save settings
Cookies settings
Licenza Creative Commons
Creative Commons Attribuzione 4.0 Internazionale