Lidia Borghi Body Wrapper

I cinque elementi scientifici per riconoscere un ghei in famiglia. Il delirio omofobo di un blog lucano

Il 13 maggio scorso, a ridosso della giornata internazionale contro l’omofobia, uno dei tanti blog presenti in rete, “Lucania News”, ha pubblicato l’articolo “Come riconoscere un gay: ecco i consigli da seguire”, in cui l’autrice, una certa Maria C., in un italiano precario così esordisce: “riuscire a capire se un uomo o una donnae(sic!) gay” è “un discorso un pochino spinoso.” ed è difficile “farli uscire allo scoperto.” come fossero animali da stanare, insomma.

Dopo questa folle premessa omofoba dice di voler offrire una guida a quanti, genitori, amici, mogli e parenti vari, vogliano “riconoscere i segnali” che fanno di qualcun* una persona lesbica o gay; sì, perché un gay non dichiarato – da qui in poi le lesbiche non sono pervenute, come la temperatura di Santa Maria di Leuca – potrebbe non essere facile da “decifrare”, in pratica come un enigma.

Ed eccoli isegnali, ben cinque, ovverogli elementi scientificidiun misteriosostudio di Oxfordche aiutano a scoprire se un congiunto è gay:

1- Desiderio sessuale discontinuoperché, le persone etero hanno un desiderio sessuale costante?

2- Ricerca di compagnia maschile e continui contatti, come carezze o abbracci verso persone dello stesso sessonon era la Chiesa cattolica a usare toni del genere?

3- Sensibilità estrema– espressione che fa tanto bugiardino: se ne sconsiglia l’assunzione in caso di sensibilitàa uno dei componenti…“ e direi che è meglio fermarsi qui.

4- Atteggiamenti effeminati, non solo nei gesti, ma anche nell’abbigliamento- suvvia Maria mi si perdoni la rima – davvero vuol far credere di ignorare che lo stereotipo della checcaè trito e ritrito?

5- Sfuggente sul discorso dell’omosessualitàsu questo le do ragione, ma non per il motivo che crede lei: spesso i gay non dichiaratiscelgonodi non farecoming outperchéhanno paura di ciò che provanoeogni giorno portano su di séil peso dell’omofobia interiorizzata, inoltresono costretti a viveresulla propria pellelo stigma di una società omofoba che non tutela le personefuori di una presunta norma,leconsidera di serie B e leghettizza.

L’articolo continua col dire che i gay prima o poi quel desiderio sessuale represso devono soddisfarlo, perché la loro sensibilità aumenta fino all’eccesso. Sempre arrapati sti gay, insomma.

Dopo quest’accozzaglia di farneticazioni Maria C. passa a occuparsi dei genitori, degli amici, delle mogli e dei parenti vari di cui sopra i quali, se “a lungo andare” cominciano a notare che “’qualcosa non è chiaro’”, come tante Miss Marple possono cominciare a spiare la cronologia del pc e a leggere i messaggi sui dispositivi mobili del congiunto sospettato di essere posseduto dal demone dell’omosessualità. A quanto pare Maria C. non conosce l’uso delle password, senza contare che, pur dicendo che tali azioni non rappresentino “un’azione legale”, possono essere “uno spunto per chiarire la situazione.

Che dire poi delle chat e dei link ai siti porno per gay? Non sono chiari indizi, si chiede Maria C., per stanare il gay che si nasconde nel proprio familiare? La sua conclusione è da premio “Golden Raspberry Awards”1: “Per eliminare ogni dubbio, quando avete poi accumulato indizi, prove e quant’altro, l’unica cosa da fare è chiederlo.” e, aggiungo io, la più rispettosa.

Infine alcuni “consigli da non dimenticareper non urtare la sensibilità del presunto omosessuale, che non deve essere trattato in modo aggressivo se non vuole fare coming out; una specie di lista della spesa in cui la parola rispetto non vienemai nominata.

La chiusura del pezzo è degna di un giornalino parrocchiale: “In queste situazioni valutate i vostri sentimenti verso l’altra persona e cercate un approccio che sia rassicurante. Accettate quello che vi dice, senza giudicare []. Il consiglio migliore è la pazienza e comprensione.” Che Maria C. sia una cattolica integralista? Qualche giorno più tardi l’articolo è stato tolto dalla rete.

1 Il premio annuale assegnato al peggior film dell’anno, il “Lampone d’oro”.

Condividi su
Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti. Se continui la navigazione accetti l’utilizzo dei cookie. View more
Cookies settings
Accetta
Privacy & Cookie policy
Privacy & Cookies policy
Cookie nameActive
Chi siamo L\\\\\\\'indirizzo del nostro sito web è: https://lidiaborghi.it. Quali dati personali raccogliamo e perché li raccogliamo Commenti Quando i visitatori lasciano commenti sul sito, raccogliamo i dati mostrati nel modulo dei commenti oltre all\\\\\\\'indirizzo IP del visitatore e la stringa dello user agent del browser per facilitare il rilevamento dello spam. Una stringa anonimizzata creata a partire dal tuo indirizzo email (altrimenti detta hash) può essere fornita al servizio Gravatar per vedere se lo stai usando. La privacy policy del servizio Gravatar è disponibile qui: https://automattic.com/privacy/. Dopo l\\\\\\\'approvazione del tuo commento, la tua immagine del profilo è visibile al pubblico nel contesto del tuo commento. Media Se carichi immagini sul sito web, dovresti evitare di caricare immagini che includono i dati di posizione incorporati (EXIF GPS). I visitatori del sito web possono scaricare ed estrarre qualsiasi dato sulla posizione dalle immagini sul sito web. Modulo di contatto Cookie Se lasci un commento sul nostro sito, puoi scegliere di salvare il tuo nome, indirizzo email e sito web nei cookie. Sono usati per la tua comodità in modo che tu non debba inserire nuovamente i tuoi dati quando lasci un altro commento. Questi cookie dureranno per un anno. Se visiti la pagina di login, verrà impostato un cookie temporaneo per determinare se il tuo browser accetta i cookie. Questo cookie non contiene dati personali e viene eliminato quando chiudi il browser. Quando effettui l\\\\\\\'accesso, verranno impostati diversi cookie per salvare le tue informazioni di accesso e le tue opzioni di visualizzazione dello schermo. I cookie di accesso durano due giorni mentre i cookie per le opzioni dello schermo durano un anno. Se selezioni \\\\\\\"Ricordami\\\\\\\", il tuo accesso persisterà per due settimane. Se esci dal tuo account, i cookie di accesso verranno rimossi. Se modifichi o pubblichi un articolo, un cookie aggiuntivo verrà salvato nel tuo browser. Questo cookie non include dati personali, ma indica semplicemente l\\\\\\\'ID dell\\\\\\\'articolo appena modificato. Scade dopo 1 giorno. Contenuto incorporato da altri siti web Gli articoli su questo sito possono includere contenuti incorporati (ad esempio video, immagini, articoli, ecc.). I contenuti incorporati da altri siti web si comportano esattamente allo stesso modo come se il visitatore avesse visitato l\\\\\\\'altro sito web. Questi siti web possono raccogliere dati su di te, usare cookie, integrare ulteriori tracciamenti di terze parti e monitorare l\\\\\\\'interazione con essi, incluso il tracciamento della tua interazione con il contenuto incorporato se hai un account e sei connesso a quei siti web. Analytics Con chi condividiamo i tuoi dati Per quanto tempo conserviamo i tuoi dati Se lasci un commento, il commento e i relativi metadati vengono conservati a tempo indeterminato. È così che possiamo riconoscere e approvare automaticamente eventuali commenti successivi invece di tenerli in una coda di moderazione. Per gli utenti che si registrano sul nostro sito web (se presenti), memorizziamo anche le informazioni personali che forniscono nel loro profilo utente. Tutti gli utenti possono vedere, modificare o cancellare le loro informazioni personali in qualsiasi momento (eccetto il loro nome utente che non possono cambiare). Gli amministratori del sito web possono anche vedere e modificare queste informazioni. Quali diritti hai sui tuoi dati Se hai un account su questo sito, o hai lasciato commenti, puoi richiedere di ricevere un file esportato dal sito con i dati personali che abbiamo su di te, compresi i dati che ci hai fornito. Puoi anche richiedere che cancelliamo tutti i dati personali che ti riguardano. Questo non include i dati che siamo obbligati a conservare per scopi amministrativi, legali o di sicurezza. Dove spediamo i tuoi dati I commenti dei visitatori possono essere controllati attraverso un servizio di rilevamento automatico dello spam. Le tue informazioni di contatto Informazioni aggiuntive Come proteggiamo i tuoi dati Quali procedure abbiamo predisposto per prevenire la violazione dei dati Da quali terze parti riceviamo dati Quale processo decisionale automatizzato e/o profilazione facciamo con i dati dell\\\\\\\'utente Requisiti di informativa normativa del settore
Save settings
Cookies settings
Licenza Creative Commons
Creative Commons Attribuzione 4.0 Internazionale