Lidia Borghi Body Wrapper

Fu vera rivoluzione?

di Lidia Borghi


Il 13 marzo 2013 Jorge Bergoglio venne eletto papa e scelse il nome Francesco. Oggi è considerato il pontefice più aperto sulle tematiche LGBT+ “per quanto in certi aspetti sia non meno tradizionalista dei suoi predecessori.” come ha scritto Robert Shine, direttore associato di New Ways Ministrye del blog Bondings 2.0, che ha fatto un bilancio dei primi 5 anni di pontificato dell’uomo venuto dall’Argentina a partire da alcuni articoli di giornale.


La valutazione che ne viene fuori non è sempre positiva, tanto che alcune testate hanno definito scarsa e contraddittoria la condotta papale a difesa delle persone lesbiche, gay, bisessuali e transgender. Jamie Manson ha scritto per The Tablet: “Dal mio punto di osservazione poco è cambiato.” Infatti, su genere e sessualità“il suo pensiero appare in pratica identico a quello dei suoi predecessori.Il linguaggio che Francesco sceglie crea in molte persone LGBT cattoliche un forte senso di vergogna. Nel porre le coppie eterosessuali (definite ‘il capolavoro di Dio’) contro quelle omosessuali conferma, non solo nelle persone LGBT, ma anche nelle loro famiglie, la solita vecchia sensazione di vivere nel peccato.

Persone povere e oppresse, emarginate e vulnerabili hanno trovato nel papa venuto da lontano il loro paladino, in ogni parte del mondo il Vescovo di Roma è considerato il difensore dei diritti umani, ma varrebbe la pena che si occupasse in modo più concreto degli individui LGBT+ e non solo a parole.

Il pensiero di Marianne Duddy-Burke di Dignity USA, un’altra associazione cattolica che si occupa di questioni relative a orientamento sessuale e genere, non si discosta da quello di Manson: “Se nel restante periodo del suo papatosi renderà conto del danno che i dogmi e le prassi della Chiesa nei campi dell’orientamento sessuale, del genere e dell’identità di genere compiono nei confronti degli individui, delle famiglie e di intere parrocchie, allora ci sarà l’opportunità di cambiare davvero le cose.

Vediamo ora qualche esempio di comportamenti contrastanti di papa Francesco.

29/7/2013: sull’aereo che lo riporta a casa dopo la Giornata Mondiale della Gioventù in Brasile, una giornalista gli chiede chiarimenti su una presunta lobby gay in Vaticano e lui pronuncia la famosa frase “chi sono io per giudicare?”. Le associazioni LGBT+ cattoliche esultano, i vescovi statunitensi non danno molta importanza alla cosa.

17/11/2014:durante una conferenza inter fede in Vaticano, a proposito della famiglia e della prole il papa afferma: Non possiamo definirla attraverso concetti di natura ideologica che traggono la loro forza da un certo momento della storia; (…) i bambini hanno il diritto di crescere in una famiglia con un padre e una madre; il matrimonio e la famiglia sonoin crisi”.

23/3/2015:Bergoglio nomina monsignor Robert McElroy vescovo di San Diego. L’alto prelato diverrà una delle più importanti voci della gerarchia statunitense a difesa dei cattolici LGBT.

19/3/2016: nell’esortazione apostolicaAmoris Laetitiail Pontefice torna a condannare le unioni fra persone dello stesso sesso, le auspicate adozioni e le questioni riguardanti l’identità di genere.

26/6/2016: di ritorno dalla visita apostolica in Armenia, durante la consueta conferenza stampa Bergoglio dice: Io credo che la Chiesa non solo debba chiedere scusa […] a questa persona che è gay, che ha offeso, ma deve chiedere scusa anche ai poveri, alle donne e ai bambini sfruttati nel lavoro.

8/12/2016: Il Pontefice emana un documento che riguarda il sacerdozio in cui ribadisce il divieto di ordinare gli uomini gay.

6/9/2017: nel libro intervista di Dominique Wolton, Papa Francesco, politica e società, Bergoglio dice di approvare le unioni civili, ma afferma anche:Il matrimonio tra persone dello stesso sesso? Il ‘Matrimonio’, nella storia dell’umanità, non solo all’interno della Chiesa, è sempre stato tra un uomo e una donna. Èqualcosa che non possiamo cambiare. È la natura delle cose, le cose sono fatte così. Chiamiamole ‘unioni civili’. Non dobbiamo giocare con la verità.

Quindi? Apertura o chiusura? Davvero è in corso una rivoluzione bergogliana? Inoltre, come mai la stampa statunitense e le associazioni LGBT+, cattoliche e non, hanno evidenziato l’incoerenza del Papa, mentre in Italia pochi periodici se ne sono occupati e magari hanno finito per porre l’accento solo sul suo presunto rinnovamento, omettendone pecche e mancanze? Certo, per lui sarà un grande onore essere definito il difensore dei diritti umani, ma perché continuano a esserci, nel mondo, gruppi di persone che ne hanno un po’ di meno? Forse, fra altri 5 anni, il Pontefice riuscirà a rispondere a un quesito di fondamentale importanza per il vivere civile.

Condividi su
Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti. Se continui la navigazione accetti l’utilizzo dei cookie. View more
Cookies settings
Accetta
Privacy & Cookie policy
Privacy & Cookies policy
Cookie nameActive
Chi siamo L\\\\\\\'indirizzo del nostro sito web è: https://lidiaborghi.it. Quali dati personali raccogliamo e perché li raccogliamo Commenti Quando i visitatori lasciano commenti sul sito, raccogliamo i dati mostrati nel modulo dei commenti oltre all\\\\\\\'indirizzo IP del visitatore e la stringa dello user agent del browser per facilitare il rilevamento dello spam. Una stringa anonimizzata creata a partire dal tuo indirizzo email (altrimenti detta hash) può essere fornita al servizio Gravatar per vedere se lo stai usando. La privacy policy del servizio Gravatar è disponibile qui: https://automattic.com/privacy/. Dopo l\\\\\\\'approvazione del tuo commento, la tua immagine del profilo è visibile al pubblico nel contesto del tuo commento. Media Se carichi immagini sul sito web, dovresti evitare di caricare immagini che includono i dati di posizione incorporati (EXIF GPS). I visitatori del sito web possono scaricare ed estrarre qualsiasi dato sulla posizione dalle immagini sul sito web. Modulo di contatto Cookie Se lasci un commento sul nostro sito, puoi scegliere di salvare il tuo nome, indirizzo email e sito web nei cookie. Sono usati per la tua comodità in modo che tu non debba inserire nuovamente i tuoi dati quando lasci un altro commento. Questi cookie dureranno per un anno. Se visiti la pagina di login, verrà impostato un cookie temporaneo per determinare se il tuo browser accetta i cookie. Questo cookie non contiene dati personali e viene eliminato quando chiudi il browser. Quando effettui l\\\\\\\'accesso, verranno impostati diversi cookie per salvare le tue informazioni di accesso e le tue opzioni di visualizzazione dello schermo. I cookie di accesso durano due giorni mentre i cookie per le opzioni dello schermo durano un anno. Se selezioni \\\\\\\"Ricordami\\\\\\\", il tuo accesso persisterà per due settimane. Se esci dal tuo account, i cookie di accesso verranno rimossi. Se modifichi o pubblichi un articolo, un cookie aggiuntivo verrà salvato nel tuo browser. Questo cookie non include dati personali, ma indica semplicemente l\\\\\\\'ID dell\\\\\\\'articolo appena modificato. Scade dopo 1 giorno. Contenuto incorporato da altri siti web Gli articoli su questo sito possono includere contenuti incorporati (ad esempio video, immagini, articoli, ecc.). I contenuti incorporati da altri siti web si comportano esattamente allo stesso modo come se il visitatore avesse visitato l\\\\\\\'altro sito web. Questi siti web possono raccogliere dati su di te, usare cookie, integrare ulteriori tracciamenti di terze parti e monitorare l\\\\\\\'interazione con essi, incluso il tracciamento della tua interazione con il contenuto incorporato se hai un account e sei connesso a quei siti web. Analytics Con chi condividiamo i tuoi dati Per quanto tempo conserviamo i tuoi dati Se lasci un commento, il commento e i relativi metadati vengono conservati a tempo indeterminato. È così che possiamo riconoscere e approvare automaticamente eventuali commenti successivi invece di tenerli in una coda di moderazione. Per gli utenti che si registrano sul nostro sito web (se presenti), memorizziamo anche le informazioni personali che forniscono nel loro profilo utente. Tutti gli utenti possono vedere, modificare o cancellare le loro informazioni personali in qualsiasi momento (eccetto il loro nome utente che non possono cambiare). Gli amministratori del sito web possono anche vedere e modificare queste informazioni. Quali diritti hai sui tuoi dati Se hai un account su questo sito, o hai lasciato commenti, puoi richiedere di ricevere un file esportato dal sito con i dati personali che abbiamo su di te, compresi i dati che ci hai fornito. Puoi anche richiedere che cancelliamo tutti i dati personali che ti riguardano. Questo non include i dati che siamo obbligati a conservare per scopi amministrativi, legali o di sicurezza. Dove spediamo i tuoi dati I commenti dei visitatori possono essere controllati attraverso un servizio di rilevamento automatico dello spam. Le tue informazioni di contatto Informazioni aggiuntive Come proteggiamo i tuoi dati Quali procedure abbiamo predisposto per prevenire la violazione dei dati Da quali terze parti riceviamo dati Quale processo decisionale automatizzato e/o profilazione facciamo con i dati dell\\\\\\\'utente Requisiti di informativa normativa del settore
Save settings
Cookies settings
Licenza Creative Commons
Creative Commons Attribuzione 4.0 Internazionale