Lidia Borghi Body Wrapper

Dai denti del giudizio una speranza in più per la medicina rigenerativa

Alzi la mano chi non ha provato dolore al solo ricordo dei guai provocati dai denti del giudizio che, in molti soggetti, crescono occlusi (la cosiddetta disodontiasi) motivo per cui vengono da più parti considerati inutili. Ebbene, da oggi non è più così, infatti, i famigerati terzi molari potranno essere impiegati, una volta estratti, per la produzione di cellule staminali.

Risale a metà settembre 2010 la notizia, pubblicata dal Journal of Biological Chemistry, secondo cui i ricercatori del National Institute of Advanced Industrial Science and Technology sono riusciti ad isolare ed estrarre dalla polpa e dal tessuto connettivo dei denti del giudizio una certa quantità di cellule staminali auto – prodotte da soggetti adulti (nulla a che vedere, quindi, con quelle embrionali, che spesso sollevano questioni etiche in ambienti cattolici).

Il gruppo giapponese di ricerca, sotto la guida di Hajime Ohgushi, ha analizzato un particolare tipo di cellule, denominate mesenchimali stomali – del tutto simili a quelle che si trovano nel midollo osseo ma molto più accessibili – ed è riuscito a trasformarle in staminali indotte, grazie all’attivazione di quattro geni che hanno la capacità di riportare quelle cellule allo stato di staminali embrionali, dotate quindi di una capacità di trasformazione assai elevata, in quanto indifferenziate. Una volta coltivate in vitro, esse si sono rivelate assai utili per la produzione di cellule adatte alla rigenerazione di diversi tipi di tessuti, fra cui quelli del cuore.

Da tempo la scienza della medicina rigenerativa ha scoperto e sottolineato la malleabilità delle IPS (Induced Pluripotent Stem cells) o staminali pluripotenti indotte e, per comprendere ciò, occorre immaginare queste cellule come tanti piccoli mattoni che, una volta differenziatisi, possono, all’occorrenza, generare cellule nuove che hanno o meno le stesse caratteristiche tissutali. Questi mattoncini rappresentano quindi un piccolo tesoro biotecnologico di inestimabile valore scientifico che comprende alcune branche della scienza medica, fra cui le terapie rigenerative, il trattamento diretto di alcune patologie e la prevenzione.

Le preziose fonti cui attingere le staminali super specializzate sono, oltre alla polpa dentale (che fornisce le Dental Pulp Stem Cells o DPSC), il follicolo (fonte delle Dental Follicle Stem Cells o DFSC) e il periodonto ovvero il tessuto connettivo che sta fra la radice e l’alveolo dei denti (da cui si possono estrarre le Periodontal Ligament Stem Cells o PDLSC). Subito dopo l’estrazione dei denti del giudizio, viene effettuato il prelievo del materiale biologico, il quale viene isolato e trasferito in siti specializzati chiamati Banche biologiche (in inglese Bio Bank) il cui compito è quello di conservare le staminali con il metodo dello stoccaggio criogenico in azoto liquido a meno 196 gradi centigradi, che garantisce una conservazione di vent’anni in ambienti sterili denominati “camere bianche”. All’interno di esse la temperatura di conservazione viene fatta diminuire in modo graduale al fine di evitare l’urto termico che danneggerebbe le cellule, che devono essere archiviate con tutti i dati necessari a risalire alla persona auto – donatrice. Questo procedimento consente, già oggi, di fare a meno, in molti casi, delle cellule estratte dal midollo osseo, il cui prelievo è tuttora complicato da tutta una serie di fattori, che costringono chi dona a sottoporsi ad un trattamento di day – hospital.

Il gruppo di studio del dottor Hajime Ohgushi ha potuto così appurare il grande potere di proliferazione e l’alta capacità di differenziamento delle IPS, in quanto ha analizzato lo strettissimo rapporto esistente fra staminali e massa tissutale, il che fa ben sperare la comunità scientifica, dal momento che ciascuno di noi ha, all’interno della bocca, un grande patrimonio di trentadue fonti – tanti sono i nostri denti – di staminali super specializzate e pronte, in poco tempo, a riparare, guarire o aggiustare parti danneggiate del nostro organismo.

«Ogni dente fornisce fino a 50 Cellule Staminali. Conservare tutti e quattro i denti del giudizio (…) ovvero alcuni denti da latte (…) produce un ammontare di Cellule Staminali più che soddisfacente, anche in virtù degli odierni progetti mirati ad una loro “riproduzione numerica in vitro” (…)», queste le parole che l’odontoiatra Sergio Audino ha dedicato al tema in oggetto (per il testo integrale: http://www.dentisti-italia.it/dentista/odontoiatria/335_cellule-staminali-originate-dalla-polpa-dentale-e-.html).

Duplice è, quindi, il merito degli scienziati giapponesi che hanno donato al mondo la loro recentissima scoperta. Il primo è di aver aggirato l’ostacolo della forte opposizione etica proveniente da molti ambienti religiosi ortodossi che si oppongono all’uso delle staminali embrionali, il secondo è quello di aver indicato a medici e ricercatori una nuova via all’auto – cura nell’ambito della medicina preventiva e rigenerativa.

Condividi su
Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti. Se continui la navigazione accetti l’utilizzo dei cookie. View more
Cookies settings
Accetta
Privacy & Cookie policy
Privacy & Cookies policy
Cookie nameActive
Chi siamo L\\\\\\\'indirizzo del nostro sito web è: https://lidiaborghi.it. Quali dati personali raccogliamo e perché li raccogliamo Commenti Quando i visitatori lasciano commenti sul sito, raccogliamo i dati mostrati nel modulo dei commenti oltre all\\\\\\\'indirizzo IP del visitatore e la stringa dello user agent del browser per facilitare il rilevamento dello spam. Una stringa anonimizzata creata a partire dal tuo indirizzo email (altrimenti detta hash) può essere fornita al servizio Gravatar per vedere se lo stai usando. La privacy policy del servizio Gravatar è disponibile qui: https://automattic.com/privacy/. Dopo l\\\\\\\'approvazione del tuo commento, la tua immagine del profilo è visibile al pubblico nel contesto del tuo commento. Media Se carichi immagini sul sito web, dovresti evitare di caricare immagini che includono i dati di posizione incorporati (EXIF GPS). I visitatori del sito web possono scaricare ed estrarre qualsiasi dato sulla posizione dalle immagini sul sito web. Modulo di contatto Cookie Se lasci un commento sul nostro sito, puoi scegliere di salvare il tuo nome, indirizzo email e sito web nei cookie. Sono usati per la tua comodità in modo che tu non debba inserire nuovamente i tuoi dati quando lasci un altro commento. Questi cookie dureranno per un anno. Se visiti la pagina di login, verrà impostato un cookie temporaneo per determinare se il tuo browser accetta i cookie. Questo cookie non contiene dati personali e viene eliminato quando chiudi il browser. Quando effettui l\\\\\\\'accesso, verranno impostati diversi cookie per salvare le tue informazioni di accesso e le tue opzioni di visualizzazione dello schermo. I cookie di accesso durano due giorni mentre i cookie per le opzioni dello schermo durano un anno. Se selezioni \\\\\\\"Ricordami\\\\\\\", il tuo accesso persisterà per due settimane. Se esci dal tuo account, i cookie di accesso verranno rimossi. Se modifichi o pubblichi un articolo, un cookie aggiuntivo verrà salvato nel tuo browser. Questo cookie non include dati personali, ma indica semplicemente l\\\\\\\'ID dell\\\\\\\'articolo appena modificato. Scade dopo 1 giorno. Contenuto incorporato da altri siti web Gli articoli su questo sito possono includere contenuti incorporati (ad esempio video, immagini, articoli, ecc.). I contenuti incorporati da altri siti web si comportano esattamente allo stesso modo come se il visitatore avesse visitato l\\\\\\\'altro sito web. Questi siti web possono raccogliere dati su di te, usare cookie, integrare ulteriori tracciamenti di terze parti e monitorare l\\\\\\\'interazione con essi, incluso il tracciamento della tua interazione con il contenuto incorporato se hai un account e sei connesso a quei siti web. Analytics Con chi condividiamo i tuoi dati Per quanto tempo conserviamo i tuoi dati Se lasci un commento, il commento e i relativi metadati vengono conservati a tempo indeterminato. È così che possiamo riconoscere e approvare automaticamente eventuali commenti successivi invece di tenerli in una coda di moderazione. Per gli utenti che si registrano sul nostro sito web (se presenti), memorizziamo anche le informazioni personali che forniscono nel loro profilo utente. Tutti gli utenti possono vedere, modificare o cancellare le loro informazioni personali in qualsiasi momento (eccetto il loro nome utente che non possono cambiare). Gli amministratori del sito web possono anche vedere e modificare queste informazioni. Quali diritti hai sui tuoi dati Se hai un account su questo sito, o hai lasciato commenti, puoi richiedere di ricevere un file esportato dal sito con i dati personali che abbiamo su di te, compresi i dati che ci hai fornito. Puoi anche richiedere che cancelliamo tutti i dati personali che ti riguardano. Questo non include i dati che siamo obbligati a conservare per scopi amministrativi, legali o di sicurezza. Dove spediamo i tuoi dati I commenti dei visitatori possono essere controllati attraverso un servizio di rilevamento automatico dello spam. Le tue informazioni di contatto Informazioni aggiuntive Come proteggiamo i tuoi dati Quali procedure abbiamo predisposto per prevenire la violazione dei dati Da quali terze parti riceviamo dati Quale processo decisionale automatizzato e/o profilazione facciamo con i dati dell\\\\\\\'utente Requisiti di informativa normativa del settore
Save settings
Cookies settings
Licenza Creative Commons
Creative Commons Attribuzione 4.0 Internazionale