Lidia Borghi Body Wrapper

Corti d’autore. Victoria para Chino di Cary Fukunaga

Alla fine di agosto 2015 i corpi privi di vita di oltre settanta persone sono stati rinvenuti all’interno del contenitore di un tir che ha fatto perdere le sue tracce; la tragedia è avvenuta sull’autostrada austriaca A4, in corsia d’emergenza, 50 km a sud di Vienna. Le vittime, come si accerterà in seguito, morte soffocate, erano migranti.

Che c’entra questa drammatica notizia di cronaca nera con l’argomento di questo post? C’entra eccòme, in quanto l’autore di Victoria para Chino (USA, 2004, 12′,41”) il regista californiano Cary Joji Fukunaga, ha trascorso l’infanzia tra la California ed il Messico ed è venuto a contatto molto presto con la realtà della migrazione; intervistato da Enrica Brocardo per il primo numero di novembre di Vanity Fair, Fukunaga ha affermato: «Mi ha colpito molto la vicenda di quelle persone trovate morte in un camion lungo l’autostrada in Austria. Esattamente la stessa cosa che era successa in Messico nel 2003 e che ho raccontato nel mio cortometraggio.»

Victoria para Chinoè girato in lingua spagnola, quella parlata dalle persone migranti che, lungo i binari della ferrovia al confine messicano con gli Stati Uniti d’America, stanno attendendo accucciati l’arrivo del contatto che le metterà nelle mani del conducente di un tir diretto ad Huston, Texas; è l’alba e due fratelli stanno parlando del futuro: il più grande, asmatico, è entusiasta, il minore è pieno di dubbi. Fra la gente alcune donne ed un bimbo di pochi anni.

Non è mia intenzione, qui, fare la narrazione per immagini del corto, non tanto per il finale già noto, ma perché è necessario vedere la tortura alla quale quel gruppo di migranti viene sottoposto – la stessa che ha visto perire quelle settanta persone in Austria – per far sì che le nostre coscienze non finiscano per addormentarsi, cullate dall’illusione che il fenomeno della migrazione non sia cosa nostra, perché così non è; per dirla con Fukunaga: «Ci sono più rifugiati al mondo d’oggi di quanto(sic) ce ne siano mai stati nella storia dell’umanità. E ciò che stiamo vivendo è solo l’inizio. (…) Vedere che in Europa succedeva di nuovo mi ha fatto infuriare. Sembra quasi che stiate imitando gli Stati Uniti. Penso alla costruzione di un muro per fermare gli immigrati. Non servirà a niente.»

Le scene di Victoria para Chinosono crude. La fotografia rende il tutto ancor più efficace. Il suono in presa diretta fa la differenza: tutto concorre a fare di questo corto d’autore un’opera davvero profonda, capace di documentare il dolore senza che sia necessario servirsi dei dialoghi; è sufficiente lasciar parlare la tragedia. Ciò fa sì che tra finzione e realtà non vi sia filtro alcuno se si pensa, oltretutto, che Fukunaga ha girato la sua storia basandosi su una vicenda accaduta un anno prima. E la colonna sonora? È il rumore assordante del lungo camion pieno di persone, intente ad ascoltare dall’interno l’arrivo della morte.


«A maggio del 2003 un tir che trasportava 90 migranti illegali dal Messico, dal Centro e Sud America, partì dal Texas del sud in direzione di Huston. Il tir non giunse mai a destinazione. Quando la polizia stradale scoprì il contenitore abbandonato a Victoria, Texas, trovò 19 persone morte. Fra loro, un bambino di cinque anni e suo padre.» (titoli di coda)



Link di pubblicazione


Lidia Borghi

Condividi su
Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti. Se continui la navigazione accetti l’utilizzo dei cookie. View more
Cookies settings
Accetta
Privacy & Cookie policy
Privacy & Cookies policy
Cookie nameActive
Chi siamo L\\\\\\\'indirizzo del nostro sito web è: https://lidiaborghi.it. Quali dati personali raccogliamo e perché li raccogliamo Commenti Quando i visitatori lasciano commenti sul sito, raccogliamo i dati mostrati nel modulo dei commenti oltre all\\\\\\\'indirizzo IP del visitatore e la stringa dello user agent del browser per facilitare il rilevamento dello spam. Una stringa anonimizzata creata a partire dal tuo indirizzo email (altrimenti detta hash) può essere fornita al servizio Gravatar per vedere se lo stai usando. La privacy policy del servizio Gravatar è disponibile qui: https://automattic.com/privacy/. Dopo l\\\\\\\'approvazione del tuo commento, la tua immagine del profilo è visibile al pubblico nel contesto del tuo commento. Media Se carichi immagini sul sito web, dovresti evitare di caricare immagini che includono i dati di posizione incorporati (EXIF GPS). I visitatori del sito web possono scaricare ed estrarre qualsiasi dato sulla posizione dalle immagini sul sito web. Modulo di contatto Cookie Se lasci un commento sul nostro sito, puoi scegliere di salvare il tuo nome, indirizzo email e sito web nei cookie. Sono usati per la tua comodità in modo che tu non debba inserire nuovamente i tuoi dati quando lasci un altro commento. Questi cookie dureranno per un anno. Se visiti la pagina di login, verrà impostato un cookie temporaneo per determinare se il tuo browser accetta i cookie. Questo cookie non contiene dati personali e viene eliminato quando chiudi il browser. Quando effettui l\\\\\\\'accesso, verranno impostati diversi cookie per salvare le tue informazioni di accesso e le tue opzioni di visualizzazione dello schermo. I cookie di accesso durano due giorni mentre i cookie per le opzioni dello schermo durano un anno. Se selezioni \\\\\\\"Ricordami\\\\\\\", il tuo accesso persisterà per due settimane. Se esci dal tuo account, i cookie di accesso verranno rimossi. Se modifichi o pubblichi un articolo, un cookie aggiuntivo verrà salvato nel tuo browser. Questo cookie non include dati personali, ma indica semplicemente l\\\\\\\'ID dell\\\\\\\'articolo appena modificato. Scade dopo 1 giorno. Contenuto incorporato da altri siti web Gli articoli su questo sito possono includere contenuti incorporati (ad esempio video, immagini, articoli, ecc.). I contenuti incorporati da altri siti web si comportano esattamente allo stesso modo come se il visitatore avesse visitato l\\\\\\\'altro sito web. Questi siti web possono raccogliere dati su di te, usare cookie, integrare ulteriori tracciamenti di terze parti e monitorare l\\\\\\\'interazione con essi, incluso il tracciamento della tua interazione con il contenuto incorporato se hai un account e sei connesso a quei siti web. Analytics Con chi condividiamo i tuoi dati Per quanto tempo conserviamo i tuoi dati Se lasci un commento, il commento e i relativi metadati vengono conservati a tempo indeterminato. È così che possiamo riconoscere e approvare automaticamente eventuali commenti successivi invece di tenerli in una coda di moderazione. Per gli utenti che si registrano sul nostro sito web (se presenti), memorizziamo anche le informazioni personali che forniscono nel loro profilo utente. Tutti gli utenti possono vedere, modificare o cancellare le loro informazioni personali in qualsiasi momento (eccetto il loro nome utente che non possono cambiare). Gli amministratori del sito web possono anche vedere e modificare queste informazioni. Quali diritti hai sui tuoi dati Se hai un account su questo sito, o hai lasciato commenti, puoi richiedere di ricevere un file esportato dal sito con i dati personali che abbiamo su di te, compresi i dati che ci hai fornito. Puoi anche richiedere che cancelliamo tutti i dati personali che ti riguardano. Questo non include i dati che siamo obbligati a conservare per scopi amministrativi, legali o di sicurezza. Dove spediamo i tuoi dati I commenti dei visitatori possono essere controllati attraverso un servizio di rilevamento automatico dello spam. Le tue informazioni di contatto Informazioni aggiuntive Come proteggiamo i tuoi dati Quali procedure abbiamo predisposto per prevenire la violazione dei dati Da quali terze parti riceviamo dati Quale processo decisionale automatizzato e/o profilazione facciamo con i dati dell\\\\\\\'utente Requisiti di informativa normativa del settore
Save settings
Cookies settings
Licenza Creative Commons
Creative Commons Attribuzione 4.0 Internazionale