Lidia Borghi Body Wrapper

Come il covid-19 ha cambiato le abitudini delle persone LGBTI

Il covid-19ha cambiato le abitudini di tutte e tutti noi: si deve stare il più possibile a casa, uscire solo per situazioni di necessità o motivi di salute, sono vietati gli assembramenti e le passeggiate.


Le iniziative della comunità LGBTI non sono da meno: chiuse le discoteche rainbow, i cui incassi sono destinati a finanziare i pridee gli spettacoli a essi collegati; i gruppi che prima si radunavano nelle loro sedi hanno rimandato le riunioni a data da destinarsi e si acuisce il problema della solitudine delle persone che attendevano con ansia i nuovi incontri per socializzare; anche gli eventi culturali sono saltati e con essi la già debole presenza sul territorio di luoghi di aggregazione per persone LGBTI.

E le Appdi incontri per gay? C’è chi dice di non aver paura e di continuare a vedere uomini e che se si dovesse pensare al virus nessuno farebbe più sesso, perciò adotta il principio del “lavati le mani e spogliati”. Alcuni evitano i rapporti occasionali, ma a far più paura sono sempre le malattie a trasmissione sessuale, per evitare le quali il preservativo è indispensabile.

È di due mesi fa l’appello di Scout,il vice direttore del National LGBT Cancer Network, il quale ha sottolineato come le personeLGBTI sianotre volte più arischiodi contrarre il virus: per il consumoditabacco, essendo il covid-19una malattia che colpisce i polmoni La popolazione LGBTQ+ utilizza tabacco a tassi superiori del 50% rispetto alla popolazione generaleper ilgran numero di casi di HIV e di tumore, che compromettonoil sistema immunitario, e per la discriminazione che subiscononelle strutture sanitarie, che le spingea richiedere assistenza medica soloin casi estremi.

Sul versante religioso è un delirio: è della metà di marzo l’infelice uscita di un rabbino ortodosso, Meir Mazuz, che ha detto come a causare la pandemia da covid-19siano stati i “Gay Pride”, che sono contro natura e hanno un’inclinazione malvagia: “quando qualcuno va contro natura, colui che ha creato la natura si vendica di lui.

Ad aggravare la situazione il prete cattolico Steven Andrew, il cardinale Raymond Burke e il vescovo messicano Ramón Castro: per Andrew sono le persone LGBTI la vera causa della diffusione del virus: “La Bibbia insegna che gli omosessuali perdono la loro anima e Dio distrugge le società che includono la comunità LGBT. Obbedire a Dio protegge gli Stati Uniti dalle malattie come il coronavirus.

Il cardinal Burke ha affermato che le chiese dovrebbero restare aperte (sic!) per poter pregare contro le piaghe sociali: aborto, eutanasia, movimento LGBTI e attivismo per il riconoscimento dell’identità transgender; ha inoltre parlato di “attacco pervasivo all’integrità della sessualità umana” e ha rispolverato l’ormai logora teoria gender.

Il vescovo Castro ha osservato come la pandemia sia stata mandata da Dio per ammonirci a non giocare con lui, per scuoterci e farci riflettere sui nostri peccati, compreso il movimento di autodeterminazione delle persone transgender.

A rispondere a Burke e Castro è stato Francis DeBernardo, il direttore esecutivo di “New Ways Ministry”, che li ha definiti degli sciagurati: in un periodo tanto difficile e instabile, in cui le vite delle persone sono sospese, ha affermato che “Papa Francesco dovrebbe rimuovere entrambi gli uomini dal ministero pubblico a causa del lorolinguaggio pericoloso e irresponsabile nei confronti delle persone LGBTQ e anche perchépromuovonola disinformazione e l’ignoranzanel mezzo di una crisi sanitaria globale. La Chiesa cattolica, una religione mondiale già ampiamente screditata, non può ignorare tale incoscienza.

Usare come capro espiatorio dei mali del mondo la comunità LGBTI è una costante: l’omofobia integralista e suprematista è una malattia che si trasmette per via mentale e calpesta i diritti civili altriin nome di Dio. Non venga un giorno in cui quegli uomini timorati di Dio si pentano di non aver ascoltato gli appelli della società civile al rispetto della diversità.
Condividi su
Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti. Se continui la navigazione accetti l’utilizzo dei cookie. View more
Cookies settings
Accetta
Privacy & Cookie policy
Privacy & Cookies policy
Cookie nameActive
Chi siamo L\\\\\\\'indirizzo del nostro sito web è: https://lidiaborghi.it. Quali dati personali raccogliamo e perché li raccogliamo Commenti Quando i visitatori lasciano commenti sul sito, raccogliamo i dati mostrati nel modulo dei commenti oltre all\\\\\\\'indirizzo IP del visitatore e la stringa dello user agent del browser per facilitare il rilevamento dello spam. Una stringa anonimizzata creata a partire dal tuo indirizzo email (altrimenti detta hash) può essere fornita al servizio Gravatar per vedere se lo stai usando. La privacy policy del servizio Gravatar è disponibile qui: https://automattic.com/privacy/. Dopo l\\\\\\\'approvazione del tuo commento, la tua immagine del profilo è visibile al pubblico nel contesto del tuo commento. Media Se carichi immagini sul sito web, dovresti evitare di caricare immagini che includono i dati di posizione incorporati (EXIF GPS). I visitatori del sito web possono scaricare ed estrarre qualsiasi dato sulla posizione dalle immagini sul sito web. Modulo di contatto Cookie Se lasci un commento sul nostro sito, puoi scegliere di salvare il tuo nome, indirizzo email e sito web nei cookie. Sono usati per la tua comodità in modo che tu non debba inserire nuovamente i tuoi dati quando lasci un altro commento. Questi cookie dureranno per un anno. Se visiti la pagina di login, verrà impostato un cookie temporaneo per determinare se il tuo browser accetta i cookie. Questo cookie non contiene dati personali e viene eliminato quando chiudi il browser. Quando effettui l\\\\\\\'accesso, verranno impostati diversi cookie per salvare le tue informazioni di accesso e le tue opzioni di visualizzazione dello schermo. I cookie di accesso durano due giorni mentre i cookie per le opzioni dello schermo durano un anno. Se selezioni \\\\\\\"Ricordami\\\\\\\", il tuo accesso persisterà per due settimane. Se esci dal tuo account, i cookie di accesso verranno rimossi. Se modifichi o pubblichi un articolo, un cookie aggiuntivo verrà salvato nel tuo browser. Questo cookie non include dati personali, ma indica semplicemente l\\\\\\\'ID dell\\\\\\\'articolo appena modificato. Scade dopo 1 giorno. Contenuto incorporato da altri siti web Gli articoli su questo sito possono includere contenuti incorporati (ad esempio video, immagini, articoli, ecc.). I contenuti incorporati da altri siti web si comportano esattamente allo stesso modo come se il visitatore avesse visitato l\\\\\\\'altro sito web. Questi siti web possono raccogliere dati su di te, usare cookie, integrare ulteriori tracciamenti di terze parti e monitorare l\\\\\\\'interazione con essi, incluso il tracciamento della tua interazione con il contenuto incorporato se hai un account e sei connesso a quei siti web. Analytics Con chi condividiamo i tuoi dati Per quanto tempo conserviamo i tuoi dati Se lasci un commento, il commento e i relativi metadati vengono conservati a tempo indeterminato. È così che possiamo riconoscere e approvare automaticamente eventuali commenti successivi invece di tenerli in una coda di moderazione. Per gli utenti che si registrano sul nostro sito web (se presenti), memorizziamo anche le informazioni personali che forniscono nel loro profilo utente. Tutti gli utenti possono vedere, modificare o cancellare le loro informazioni personali in qualsiasi momento (eccetto il loro nome utente che non possono cambiare). Gli amministratori del sito web possono anche vedere e modificare queste informazioni. Quali diritti hai sui tuoi dati Se hai un account su questo sito, o hai lasciato commenti, puoi richiedere di ricevere un file esportato dal sito con i dati personali che abbiamo su di te, compresi i dati che ci hai fornito. Puoi anche richiedere che cancelliamo tutti i dati personali che ti riguardano. Questo non include i dati che siamo obbligati a conservare per scopi amministrativi, legali o di sicurezza. Dove spediamo i tuoi dati I commenti dei visitatori possono essere controllati attraverso un servizio di rilevamento automatico dello spam. Le tue informazioni di contatto Informazioni aggiuntive Come proteggiamo i tuoi dati Quali procedure abbiamo predisposto per prevenire la violazione dei dati Da quali terze parti riceviamo dati Quale processo decisionale automatizzato e/o profilazione facciamo con i dati dell\\\\\\\'utente Requisiti di informativa normativa del settore
Save settings
Cookies settings
Licenza Creative Commons
Creative Commons Attribuzione 4.0 Internazionale