Lidia Borghi Body Wrapper

Capi scout e questione omosessuale. Una testimonianza genovese

«Durante il sonno voi non sapete se siete uomini o donne. Come un uomo che indossi abiti femminili non diventa per questo donna, così l’anima, che può prendere la forma sia di un uomo sia di una donna, rimane immutabile. L’anima è l’immagine inalterabile e indifferenziata della divinità.» (Dall’Autobiografia di uno Yogi, di Paramahansa Yogananda)

Durante la primavera del 2010 Laura ed io venimmo invitate, insieme ad un’amica, a rilasciare la nostra testimonianza di lesbiche ai capi di un gruppo scout cattolico che si riunisce nei locali di una parrocchia del levante genovese. La questione che venne affrontata durante l’incontro era assai delicata e necessitava di essere al più presto risolta: un piccolo lupetto, dal carattere alquanto esuberante, era diventato ingestibile, all’interno della cerchia di bambine e di bambini di cui faceva parte uno dei capi, a causa del suo presunto orientamento omosessuale, anche se alcune persone avevano avanzato l’ipotesi che si trattasse di una femmina nascosta nel corpo di un maschio.

La faccenda era aggravata da due fattori: prima di tutto le madri ed i padri delle coccinelle e dei lupetti compagni del piccolo erano diventati alquanto insofferenti a causa di quegli atteggiamenti sopra le righe, né il bimbo faceva alcunché per mitigarli; inoltre, le persone deputate al ruolo di capo scout erano del tutto impreparate a gestire un soggetto di quel tipo.

L’incontro ebbe inizio con le nostre testimonianze, durante le quali tutte e tre parlammo non solo del disagio e della sofferenza che provammo una volta scoperto di essere attratte, a livello affettivo, da persone del nostro stesso sesso in una società omofoba ed eterosessista ma anche di come, con il passare del tempo e con l’aumentare della nostra consapevolezza, fossimo riuscite a convivere in modo meno traumatico con gli stereotipi ed i pregiudizi che gravitano attorno al complesso universo gay e lesbico.

In particolare, quel che venne fuori dalle nostre narrazioni fu il tentativo di aiutare quei capi scout ad affrontare con serenità un problema che diventa tale solo se dall’altra parte si permette al pregiudizio di avere la meglio su un’accoglienza piena e legittima di tutti gli orientamenti affettivi e sessuali.

Quando fu la volta delle ragazze e dei ragazzi il cui ruolo era, all’interno dei vari gruppi, quello di gestirne le e gli esponenti, dai loro racconti ci fu possibile apprendere che, al di là del forte disagio che percepivano in se stessi, nelle compagne e nei compagni di gioco del piccolo e nei famigliari di tutte e tutti loro, l’importante era per loro trovare una soluzione soddisfacente per ogni soggetto coinvolto, dal momento che avevano molto a cuore la condizione del giovane lupetto.

L’impressione di fondo era di una ferma volontà di imparare da noi il giusto approccio alle questioni inerenti l’orientamento omoaffettivo e l’identità di genere che, spesso, si presentano nella vita di molte bambine e di molti bambini dell’età di quel lupetto ovvero intorno ai dieci/dodici anni; nella fattispecie Andrea (nome di fantasia) non aveva nulla da rimproverarsi, a causa della sua esuberanza e, se anche prediligeva i giochi femminili piuttosto che quelli maschili, nulla vi era di male, a detta di quei capi. L’importante era avere a disposizione dei modelli di comportamento – inesistenti, allo stato attuale, nella maggior parte dei gruppi scout cattolici italiani – che potessero mettere tutte e tutti nella condizione di ritrovare la perduta serenità.

Il particolare più interessante emerso dall’incontro fu che le guide non consideravano quello di Andrea un problema, mentre gli atteggiamenti di ferma chiusura da parte dei famigliari lo erano diventati nel momento in cui i loro giudizi categorici ed escludenti avevano cominciato a diffondersi anche all’interno dei vari gruppi, finendo per causare l’emarginazione del piccolo, i cui genitori da tempo stavano meditando di ritirarlo dagli scout.

Durante il dibattito, fatto di domande aperte da parte dei capi scout a noi tre, ci sforzammo di offrire, con le nostre risposte, alcune linee guida essenziali per inaugurare un approccio accogliente nei confronti di Andrea all’interno del suo gruppo di coccinelle e di lupetti: senza che a tutti i costi ci fosse bisogno di stabilire se il ragazzino fosse transessuale oppure omosessuale, sottolineammo quanto fosse importante farlo sentire parte di un insieme armonico che lo includesse in modo spontaneo e ribadimmo il concetto secondo cui il problema vero era rappresentato dai pregiudizi che molte madri e molti padri avevano inculcato ai loro figli ed alle loro figlie.

Alla fine dell’incontro molte furono le persone che ci avvicinarono e, nel ringraziarci per aver parlato con loro, ci strinsero la mano; noi tre notammo una luce nuova nei loro sguardi, prima di allora alquanto interdetti, per non dire imbarazzati. Era opportuno utilizzare un linguaggio giusto, da parte nostra, affinché quelle guide comprendessero di non essere sole, ma di avere da parte nostra una comprensione profonda del disagio che stavano provando. Soprattutto tendemmo a sottolineare come la condizione umana di Andrea fosse del tutto lecita e possibile, malgrado i pregiudizi che, all’interno della nostra società, tendono ad emarginare chi non corrisponde ad una presunta norma sociale. La questione più urgente da risolvere era quella di una mancanza di comprensione e di accoglienza di un soggetto reso problematico da quei pregiudizi, mentre il suo carattere esuberante poteva essere ammortizzato grazie ad un dialogo costante e ad un approccio empatico da parte dei capi.

Quell’incontro ci diede molti spunti di riflessione e ci permise di imparare alcune cose a proposito dell’accoglienza delle persone che la società, spesso con molta superficialità, bolla come strane a causa dei propri atteggiamenti. Chissà che quelli di Andrea non fossero dettati dalla solitudine in cui era stato costretto a rifugiarsi a causa dell’emarginazione da parte delle compagne e dei compagni aizzatigli contro dai rispettivi famigliari.

Una cosa ci siamo augurate, mentre tornavamo a casa: che il nostro modesto esempio fosse stato utile a quelle guide, la cui volontà di porre rimedio ad un’ingiustizia sembrava l’istanza più urgente, rispetto al pregiudizio.

Condividi su
Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti. Se continui la navigazione accetti l’utilizzo dei cookie. View more
Cookies settings
Accetta
Privacy & Cookie policy
Privacy & Cookies policy
Cookie nameActive
Chi siamo L\\\\\\\'indirizzo del nostro sito web è: https://lidiaborghi.it. Quali dati personali raccogliamo e perché li raccogliamo Commenti Quando i visitatori lasciano commenti sul sito, raccogliamo i dati mostrati nel modulo dei commenti oltre all\\\\\\\'indirizzo IP del visitatore e la stringa dello user agent del browser per facilitare il rilevamento dello spam. Una stringa anonimizzata creata a partire dal tuo indirizzo email (altrimenti detta hash) può essere fornita al servizio Gravatar per vedere se lo stai usando. La privacy policy del servizio Gravatar è disponibile qui: https://automattic.com/privacy/. Dopo l\\\\\\\'approvazione del tuo commento, la tua immagine del profilo è visibile al pubblico nel contesto del tuo commento. Media Se carichi immagini sul sito web, dovresti evitare di caricare immagini che includono i dati di posizione incorporati (EXIF GPS). I visitatori del sito web possono scaricare ed estrarre qualsiasi dato sulla posizione dalle immagini sul sito web. Modulo di contatto Cookie Se lasci un commento sul nostro sito, puoi scegliere di salvare il tuo nome, indirizzo email e sito web nei cookie. Sono usati per la tua comodità in modo che tu non debba inserire nuovamente i tuoi dati quando lasci un altro commento. Questi cookie dureranno per un anno. Se visiti la pagina di login, verrà impostato un cookie temporaneo per determinare se il tuo browser accetta i cookie. Questo cookie non contiene dati personali e viene eliminato quando chiudi il browser. Quando effettui l\\\\\\\'accesso, verranno impostati diversi cookie per salvare le tue informazioni di accesso e le tue opzioni di visualizzazione dello schermo. I cookie di accesso durano due giorni mentre i cookie per le opzioni dello schermo durano un anno. Se selezioni \\\\\\\"Ricordami\\\\\\\", il tuo accesso persisterà per due settimane. Se esci dal tuo account, i cookie di accesso verranno rimossi. Se modifichi o pubblichi un articolo, un cookie aggiuntivo verrà salvato nel tuo browser. Questo cookie non include dati personali, ma indica semplicemente l\\\\\\\'ID dell\\\\\\\'articolo appena modificato. Scade dopo 1 giorno. Contenuto incorporato da altri siti web Gli articoli su questo sito possono includere contenuti incorporati (ad esempio video, immagini, articoli, ecc.). I contenuti incorporati da altri siti web si comportano esattamente allo stesso modo come se il visitatore avesse visitato l\\\\\\\'altro sito web. Questi siti web possono raccogliere dati su di te, usare cookie, integrare ulteriori tracciamenti di terze parti e monitorare l\\\\\\\'interazione con essi, incluso il tracciamento della tua interazione con il contenuto incorporato se hai un account e sei connesso a quei siti web. Analytics Con chi condividiamo i tuoi dati Per quanto tempo conserviamo i tuoi dati Se lasci un commento, il commento e i relativi metadati vengono conservati a tempo indeterminato. È così che possiamo riconoscere e approvare automaticamente eventuali commenti successivi invece di tenerli in una coda di moderazione. Per gli utenti che si registrano sul nostro sito web (se presenti), memorizziamo anche le informazioni personali che forniscono nel loro profilo utente. Tutti gli utenti possono vedere, modificare o cancellare le loro informazioni personali in qualsiasi momento (eccetto il loro nome utente che non possono cambiare). Gli amministratori del sito web possono anche vedere e modificare queste informazioni. Quali diritti hai sui tuoi dati Se hai un account su questo sito, o hai lasciato commenti, puoi richiedere di ricevere un file esportato dal sito con i dati personali che abbiamo su di te, compresi i dati che ci hai fornito. Puoi anche richiedere che cancelliamo tutti i dati personali che ti riguardano. Questo non include i dati che siamo obbligati a conservare per scopi amministrativi, legali o di sicurezza. Dove spediamo i tuoi dati I commenti dei visitatori possono essere controllati attraverso un servizio di rilevamento automatico dello spam. Le tue informazioni di contatto Informazioni aggiuntive Come proteggiamo i tuoi dati Quali procedure abbiamo predisposto per prevenire la violazione dei dati Da quali terze parti riceviamo dati Quale processo decisionale automatizzato e/o profilazione facciamo con i dati dell\\\\\\\'utente Requisiti di informativa normativa del settore
Save settings
Cookies settings
Licenza Creative Commons
Creative Commons Attribuzione 4.0 Internazionale